A Reggio Emilia, l’architetto di quartiere progetta coi cittadini per la cura della città e della comunità

Riqualificare e rigenerare i quartieri attraverso una collaborazione permanente tra tecnici e cittadini per far emergere i veri bisogni del territorio.

Questo l’obiettivo del progetto con cui il Comune di Reggio Emilia vuole potenziare la sua presenza nei quartieri. Per farlo utilizzerà due nuove figure: quella del Mediatore civico e quella dell’Architetto di quartiere.

L’architetto di quartiere si occuperà della cura della città e della comunità pensando alla rigenerazione dei luoghi ma anche alla progettazione di eventi, attività e servizi, per migliorare la qualità urbana.

L’Architetto di quartiere sarà il punto di riferimento per il territorio ascoltando i bisogni dei cittadini e raccogliendo le loro istanze. Successivamente progetterà, con tutti coloro che sono disponibili a collaborare, le possibili soluzioni ai problemi individuati e i nuovi servizi richiesti. Per realizzare tutto questo cittadini, associazioni e Comune sottoscrivono un patto di quartiere che formalizza i reciproci impegni e le attività che sono alla base dei progetti condivisi, attraverso un percorso di tre fasi.

La prima è la fase di ascolto in cui i cittadini e le varie associazioni possono presentare proposte progettuali o far emergere problemi e criticità legate al territorio. Il compito dell’architetto di quartiere in questa fase è quello di raccogliere le segnalazioni e le proposte per inserirle nella programmazione generale del Comune.

Poi la fase di progettazione è strutturata in laboratori di cittadinanza, momenti di analisi dei problemi emersi, quartiere per quartiere, e di costruzione condivisa delle soluzioni. I laboratori sono aperti ai cittadini e alle associazioni e si concludono con la firma del patto di quartiere.

La terza fase è rappresentata dalla realizzazione, fase in cui nei quartieri e nelle frazioni gli architetti di quartiere insieme ai cittadini e alle associazioni lavorano fianco a fianco per realizzare concretamente quanto previsto nel patto.

Il progetto del comune parte dal presupposto che la collaborazione tra pubblico e privato è un valore aggiunto, sia per i cittadini, che possono essere protagonisti del bene comune, sia per il Comune, che può occuparsi dei cittadini in modo più diretto, efficiente ed efficace.

Sabato 21 febbraio si è svolta la prima tappa del percorso “Idee e progetti per la città“; i partecipanti sono stati divisi in quattro macro-gruppi di lavoro, che corrispondono ai quattro quadranti della città (nord, sud, est, ovest) e in tavoli di lavoro. Ogni tavoli di lavoro ha prodotto proposte progettuali per ciascun quartiere e, attraverso il proprio portavoce, ha presentato poi quanto emerso dal confronto a tutto il quadrante di riferimento

Questo è stato solo il primo appuntamento di un percorso più ampio che arriverà a inserire le proposte progettuali dei territori in un patto, sottoscritto da tutti coloro che si impegneranno nella realizzazione concreta dei progetti del proprio quartiere. Le proposte progettuali verranno poi verificate e approfondite dagli architetti di quartiere attraverso incontri dedicati con le associazioni proponenti.

Fonte: “Edilportale”

> Visita il sito “Il Comune a misura di Quartiere” del Comune di Reggio Emilia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *