“Li munti”: le alte dune di Campomarino di Maruggio (Ta) nella poesia dialettale di Antonio Molendini, detto AMO

Quest’anno – a causa del maltempo – la prevista escursione guidata del 24 Agosto alla scoperta del litorale orientale di Campomarino di Maruggio (Ta), è stata annullata. L’iniziativa era stata organizzata dall’A.P.S. “Play your Place” e dall’A.S.D. “Terra Nostra”.

Per l’occasione – come lo scorso anno, quando questa novità fu inserita e molto apprezzata al termine della passeggiata – avevamo previsto di concludere in bellezza, con una performance artistica delle nostre Serena Guida e Maddalena Latorre (dell’Associazione “Lotus”).

Pur consapevoli che dal vivo sarebbe stata un’altra cosa, abbiamo voluto ugualmente regalare a tutti questo emozionante video amatoriale, un cameo nel quale oltre alle nostre due brave interpreti abbiamo voluto coinvolgere il poeta locale Antonio Molendini (detto AMO).
Insieme, recitano una poesia dello stesso AMO, dal titolo “Li munti” (contenuta in “Tarìci 2” del 2003), in riferimento al nome con il quale in passato venivano indicate le alte dune di sabbia e macchia mediterranea.

L’amico AMO è autore di corpose ricerche sull’idioma locale, custode della tradizione orale, promotore di iniziative per il recupero della lingua dei nostri nonni, sia quella scritta che quella parlata. AMO ha anche scritto libri in “lingua” maruggese: ha pubblicato un vocabolario dal titolo “Palòri ti Maruggiu”, “Maruggiu Milli”, presentato in occasione della ricorrenza del millennio dalla fondazione del paese. Imperdibili, poi, sono le tante edizioni del suo “Tarìci”, raccolte di racconti e poesie.

“Li munti” è una poesia che descrive il paesaggio del nostro litorale com’era una volta: ci sono indicazioni toponomastiche e botaniche, ma anche i dubbi per quel progresso che – a partire dagli anni ’70 – determinò lo scempio di ampie zone della nostra costa.

Vi ricordiamo, comunque, che per chi volesse ancora immergersi in questo habitat suggestivo – magari imparando a riconoscere le piante autoctone –  è sempre attivo il progetto “Scopri le dune” a cura dell’A.P.S. “Play your Place”, che garantisce le visite guidate, anche per piccoli gruppi.
Per info: 349.1971486.

“Li munti

puru nui tinimu:

munti ti rèna,

t’la Torri ti lu Uwèu

a Santu Piètru.

Pi scir’a mmari ti mèr’all’Aquatòci,

Capòccia o Scorcialùpi,

o t’la vànda t’lu Mirànti

o Mònucu o Marchèsi,

nchiànàv’e e ppuèi scindivi

e a lliscièrni,

a ppiliddu,

a rosamarina ti zzicàvi,

a tumu frattisciàvi

e a mmàri arrivàvi mprufumàtu.

Tutti l’ànni facìvi la stratèlla

ca tutti l’ànni lu nvièrnu mmujicàva,

e a vvòti succitìa

ca ci l’ànnu prima nna còsa l’ièeri pèrsa

puèi pija e l’acchiàvi.

Comuciquàndu ca stàvi a ccasa tua

era

ddònca sìa ca scìvi l’annu tòppu.

A cuddu scuèrpu

lu iscitòni dda t’ìeri pungiùtu,

s’èra cunfiàtu,

s’èra rrussàtu,

ma cuddu màri puèi t’l’èra sanàtu.

Vicin’a a quèdda fràsca

lu primu ggiùrnu ti màri ti mo’fa’ll’ànnu

picca mancòu lu Fràncu

lu pèti cu mènti sobbr’a nna sèrpi.

Vicin’a cquiddi cànni,

ti Pascarèdda,

si tèsira lu primu vàsu

Maria e Ggisèppu.

Puèi

quiddi munti

tùtti squartàti fuèra

e fèggirà la strata liturània.

Comuciquàndu ca la uwèrra n’èra stàta.

Ndi rrasàra li munti,

la rèna fuèi rrubbàta,

scappàra àrvuli,

fèggira fuèssi,

anchèra canaùni

e cuddu ca èra paratìsu

lu fièernu ddivintòu.

Ddo’ nna màcchia nc’èra

ti tùmu umprufumàtu

mo’ è mmundizzàru,

e li stratèlli c’a mmari ndi purtàunu

mo pòrtunu li machini sobbr’a lla rèna.

Ticunu ca ije’ prucrèssu,

ticunu ch’è  ccivirtàti,

ticunu ca jè bbinèssiri

e l’àmò rringrazziàri,

ticunu.

Iu

Stu’ bbinèssiri no’ llu vòju.

Iu

Vòju li mùnti mia!”

“I monti

Anche noi avevamo:

monti di sabbia,

dalla Torre dell’Ovo

fino a San Pietro.

Per andare al mare dalle parte dell’Acquadolce,

Capoccia o Scocialupi,

o dalle parti del Mirante

o Monaco o Marchese,

salivi e poi scendevi

e ai ginepri,

allo sparto,

al rosmarino ti acchiappavi,

al timo ti strisciavi

e al mare arrivavi profumato.

Tutti gli anni tracciavi il sentiero

che tutti gli anni l’inverno ricopriva,

e a volte succedeva

che se lo scorso anno qualcosa avevi perso

a volte lo ritrovavi.

Come se stessi a casa tua

era

dovunque andassi l’anno successivo.

A quel rovo

L’alluce proprio là te l’eri punto,

s’era gonfiato,

s’era arrossato,

ma quel mare poi l’aveva guarito.

Vicino a quella frasca

Il primo giorno di mare lo scorso anno

poco mancò che Franco

il piede mettesse su una serpe.

Vicino a quel canneto,

alla Pasquetta,

si diedero il primo bacio

Maria e Giuseppe.

Poi

quei monti furono tutti squartati

e fecero la strada litoranea.

Come se la guerra ci fosse stata.

Spianarono i monti,

la sabbia fu rubata,

sdradicarono alberi,

scavarono fossati,

colmarono canaloni

e quello che era paradiso

l’inferno diventò.

Dov’era il ginepro grande come una casa

ora una casa c’è.

Dove un’estensione c’era

di timo profumato

ora è mondezzaio,

e le stradine che al mare ci guidavano

ora portano le auto sull’arenile.

Dicono che è progresso,

dicono che è civiltà,

dicono che è benessere

e dobbiamo ringraziarli,

dicono.

Io

questo benessere non lo voglio.

Io

voglio i monti miei!”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *