“Attacco a Maruggio”: il 25 Agosto, la quarta edizione della rievocazione storica

Correva l’anno 1637: era il 13 Giugno e sulle coste joniche sette navi turche approdarono con lo scopo di mettere a ferro e fuoco la zona. Giunti a Maruggio, furono respinti in mare dai militari del Balì Fra’ Giovanni Battista Naro che amministrava la Commenda Magistrale retta dai Cavalieri di Malta.

Secondo la ricostruzione curata dagli storici locali Tonino Filomena e Cosimo Marseglia, l’attacco a Maruggio fu premeditato per vendicare le gravi perdite subite dai turchi e inflitte proprio dal Commendatore Naro, che si era distinto per aver catturato diverse imbarcazioni pirata.
Lo scontro e la cacciata dei pirati turchi, furono resi possibili anche grazie all’ardore e al coraggio degli stessi abitanti del borgo. Tuttavia, la leggenda narra che – durante lo scontro decisivo – una fanciulla fu rapita e deportata ad Algeri e che questa – ormai anziana – sarebbe tornata nella propria terra d’origine rincontrando il suo antico amore perduto.

Domenica 25 Agosto 2019, nella cittadina jonica –recentemente inserita tra i “Borghi più belli d’Italia” – si svolgerà la quarta edizione della rievocazione storica “Attacco a Maruggio”, curata dal direttore artistico Michele Chiego e organizzata dall’A.T. Pro Loco in collaborazione con il circolo Anspi “Emmaus” e con il patrocinio del Comune di Maruggio.

Sbandieratori, musici, compagnie d’armi , gruppi storici provenienti da vari paesi daranno vita ad uno spettacolo unico e suggestivo.
Media partner dell’evento sono “La Voce di Maruggio”, “Jonio TV” e “Maruggio e Dintorni Story”.

Questo il PROGRAMMA:
ore 18.30: Corteo storico (P. Marconi, via Malta, P. del Popolo)
ore 19.30: Saluto del Comm.re Naro e spettacoli
ore 20.00: Investitura di Nicola de Pandis, primo Commendatore di Maruggio
ore 20.30: Attacco a Maruggio. La Battaglia
ore 21.45: EMIAN Paganfolk in concerto

Presenta la serata: Serena Guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *