Inaugurate le prime Little Free Libraries a Campomarino di Maruggio (Ta): al via il libero scambio di libri

Di Little Free Library se ne sente parlare molto, da tanti sono considerate modelli positivi a livello locale, ed è per questo motivo che riscuotono tanto successo.
Le Little Free Libraries sono spazi culturali restituiti al territorio e a chi lo vive ogni giorno e – al tempo stesso – spazi di aggregazione e condivisione dove i momenti di incontro e socialità rendono lo spazio pubblico più vivibile e, quindi, più attraente e frequentato.

Sabato 24 Giugno a Campomarino di Maruggio – grazie alla disponibilità dei proprietari di alcuni chioschi collocati in spazi verdi pubblici – sono state inaugurate le prime due casette dei libri, alla presenza della “pioniera” di queste iniziative nel Salento: Paola Bisconti, book blogger già ospite – il 20 Maggio scorso – della nostra Biblioteca Comunale per la presentazione del suo libro “Sulle strade dei libri”, curata dell’A.P.S. “Play your Place”.

Le Little Free Libraries sono colorate e ben distinguibili casette di legno in cui i libri possono essere presi e depositati da chiunque, per condividerli. La regola fondamentale per far funzionare il tutto, è “libro che prendi, libro che doni” (“Take a book. Return a book”).

Ognuno può consultare la raccolta di libri che esse contengono, scegliere il libro che più lo incuriosisce, prenderlo e leggerlo seduto su una panchina, portarlo a casa gratuitamente, a patto che lo sostituisca con un altro, magari già letto e che si intende mettere a disposizione degli altri.

L’obiettivo principale non è solo quello di promuovere la lettura, ma anche rafforzare lo spirito di Comunità. Le piccole biblioteche libere, infatti, riuniscono le persone che condividono l’amore per la lettura, attraverso lo scambio gratuito di libri. L’idea vincente sta nell’avvicinare abitanti e passanti attorno ad un centro di aggregazione, rendendo così più unite le Comunità.

Non a caso, le LFL vengono installate vicino a piste ciclabili o in spazi di verde comune, alle fermate degli autobus, fuori da caffetterie o nei cortili di abitazioni private: ovunque siano localizzate, i cittadini ne sono entusiasti, i bambini trovano un modo per avvicinarsi alla lettura, i grandi hanno l’opportunità di donare libri e conoscersi meglio.

Con le Little Free Libraries il concetto di biblioteca sembra reinventarsi: non più lontana e in posizione centrale (e spesso inaccessibile), ma diffusa e a portata di tutti.

Le due cose non si escludono a vicenda, ma si completano con modalità di accesso e fruibilità differenti, ma sempre con il medesimo obiettivo: il libero accesso ai libri, la cultura diffusa e la partecipazione attiva sembrano essere una ricetta perfetta per diffondere la cultura della lettura e avvicinare quanti più lettori possibili.

Le Little Free Libraries fresche di inaugurazione (e di benedizione, a cura di Don Angelo Micocci, parroco di Campomarino) sono state commissionate ed offerte alla Comunità maruggese dalle seguenti attività: per quella situate nel parco pubblico (ex Seminario Vescovile) si ringraziano i gestori della “Pizzeria d’asporto da Giovanna” – Pizza al taglio Panzerotti, “Casa Mia” – Gelateria Caffetteria Frutteria e “Blanco Grill” – Meet Wine & Food; per quella installata in Piazza Tahon de Revel, si ringrazia “La Pinetina” – Caffetteria Paninoteca.

Grazie anche alla Consigliera delegata per il Turismo del Comune di Maruggio – dott.ssa Tiziana Destratis – che, accogliendo con favore l’iniziativa, ha curato il coordinamento tra i commercianti.

Regione Puglia: un bando da 20 milioni di euro per realizzare “Community Library”, per recuperare immobili e promuovere la lettura

La cultura come leva strategica di uno sviluppo incentrato sulla produzione di ricchezza durevole in cui le risorse pubbliche sono investite a favore del benessere collettivo e dell’occupazione. In quest’ottica il patrimonio culturale, materiale e immateriale, rappresenta un potenziale incredibile per il territorio regionale.

SMART-IN è la strategia regionale per il rilancio del patrimonio culturale che punta a garantire la valorizzazione, la fruizione e il restauro dei beni culturali di Puglia. Un unico grande bando pubblico che, con una dotazione di 100 milioni di euro, si snocciola in quattro macro aree: Community Library, Laboratori di Fruizione, Teatri Storici, Empori della creatività.

Già da domani, Enti locali, istituzioni scolastiche e universitarie, proprietari di istituti e luoghi di cultura, soggetti gestori pubblici e/o privati senza scopo di lucro, potranno presentare i primi progetti di investimento per la realizzazione di “Community Library”.

Si tratta biblioteche di comunità, capaci di restituire ai cittadini l’essenza vera dei territori pugliesi, quella capacità di aggregare e innovare diffondendo, al contempo, la conoscenza e la promozione della lettura per recuperare un gap che oggi vede la Puglia e l’Italia tutta ancora troppo indietro per numero di lettori. Sarà possibile rendere più godibili gli spazi, impreziosirli, favorirne la funzionalità sia attraverso il recupero e il restauro di beni immobili sia attraverso la dotazione di strumenti e attrezzature adeguate e innovative.

I primi venti milioni di euro, la dotazione prevista per le Community Library, saranno quindi destinati a finanziare progetti di investimento fino a un importo massimo di due milioni di euro.

“Questo bando – ha detto il presidente Emiliano – riguarda l’intera regione, a partire dai Comuni, dalle scuole e dagli enti che gestiscono immobili di particolare importanza che possono essere adibiti alla funzione di biblioteca e alla fruizione pubblica, e che possono avere elementi di innovazione tecnologica. Questo processo dunque è connesso al restauro di immobili di particolare pregio. Il bando, con 100 milioni di finanziamento, mette insieme la gestione delle biblioteche con il restauro, dando occasioni di rilancio della fruizione e di innovazione anche per le qualifiche delle persone che saranno chiamate a lavorarci”.

“Con questo bando – ha detto l’assessore regionale all’Industria turistica e culturale, Loredana Capone – puntiamo a valorizzare i beni culturali, a far sì che la cultura divenga patrimonio di tutti i cittadini. Non solo bene statico. La valorizzazione dei beni concorre poi a favorire l’occupazione in un settore importante per dare prospettiva ai talenti pugliesi spesso costretti a emigrare. Ovviamente se un bene culturale diventa attrattore incide anche sul turismo e, quindi, sulla crescita economica e culturale delle città e del territorio regionale. Dobbiamo inoltre favore gli investimenti in innovazione usando tutti gli strumenti disponibili: dalle nuove tecnologie all’innovazione dei processi di fruizione, al coinvolgimento del privati. Ci siamo chiesti quali sono le sfide che le istituzioni culturali si trovano ad affrontare nella società contemporanea. Che cosa significa aprirsi al cambiamento per dare risposta alle necessità, alle aspettative dei territori e delle comunità? Siamo arrivati alla conclusione che valorizzazione culturale, innovazione e qualità dei servizi sono i temi che più si connettono alle priorità. Tutto questo con una visione che pone al centro il cittadino”.

Per info sul bando e le misure consultare: por.regione.puglia.it     www.piiilculturapuglia.it      www.regione.puglia.it

Leggi e scarica il calendario delle presentazioni del bando

Fonte: Regione Puglia

“Sulle strade dei libri. Viaggio nei mondi della lettura”: presentazione del libro di Paola Bisconti, Sabato 20 Maggio presso la Biblioteca Comunale di Maruggio (Ta)

Sabato 20 Maggio 2017 alle ore 18.30 presso la Biblioteca Comunale di Maruggio (Ta) sarà presentato il libro “Sulle strade dei libri. Viaggio nei mondi della lettura” di Paola Bisconti (Edizioni Esperidi).

Dialogheranno con l’autrice l’arch. Aldo Summa – dell’A.P.S. “Play your Place”, associazione che ha organizzato l’evento – e il prof. Maurizio Schirone, consigliere delegato alla Cultura del Comune di Maruggio (che tra l’altro patrocina l’evento).

Paola Bisconti opera da circa dieci anni nel settore culturale con energia, entusiasmo e creatività avviando una serie di progetti che mirano a portare la lettura in contesti insoliti. Aderendo al movimento delle “Little free Library” ha installato nel Salento e non solo circa trenta mini biblioteche contribuendo ad avvicinare le persone ai libri.
Certa del principio secondo il quale la cultura è di tutti e per tutti, nel 2015 la Bisconti ha inventato il “Vagabondaggio Letterario”, momenti di lettura nelle periferie dei paesi con le persone sole o emarginate, o con i ragazzi della “movida”.
Scrivendo versi sulle vetrine dei negozi, Paola ha dato vita al cosiddetto “Assalto poetico” mentre, leggendo alle donne in dolce attesa nelle sale d’aspetto degli studi medici, è nato il “Sottofondo Letterario”.

Altra appassionante iniziativa è “Il TG dei Bambini” condotto dai suoi figli. Già vicedirettrice di Salento in linea, ha collaborato con varie testate tra cui Articolo21, La Perfetta Letizia, L’Ora del Salento.
Attualmente Paola Bisconti cura un blog su Linkiesta e ha condotto una rubrica culturale settimanale sull’emittente televisiva siciliana “Telejato”. È coautrice, con Roberta Natalini, del libro “Le rose d’acciaio” (Pubblicazioni Italiane) che raccoglie le testimonianze delle donne “dell’Ilva” di Taranto.

Instancabile organizzatrice di eventi culturali e artistici, attenta alle tematiche inerenti la legalità e l’uguaglianza, ha curato la prefazione di romanzi e raccolte poetiche. La sua ultima creatura è il blog sullestradedeilibri.it.

Paola Bisconti crede nel potere salvifico e aggregante della lettura, ci regala le sue esperienze, ci invita a seguirla nei suoi percorsi di carta e parole, armati solo di tanta voglia di leggere.

Il libro di Paola Bisconti accende i riflettori sulla situazione culturale del Salento per quanto riguarda il mondo della lettura. Chi legge? E perché? Chi compra libri? E dove? Chi vende libri? Tante sono le domande alle quali questo libro cerca di rispondere.
L’autrice ci prova, narrando con toni appassionanti le sue avventure tra le librerie indipendenti e alcune biblioteche scolastiche della provincia di Lecce, tra una lettura in un parco vicino ad una “Free little Library” e in uno studio medico, o ancora in mezzo alla movida del sabato sera.

> Leggi l’articolo “Le Little Free Libraries sulle spiagge e nelle piazze del Salento”

> Leggi l’articolo “Little Free Library: la biblioteca diffusa che promuove la cultura e il senso di comunità. Cos’è e come funziona”

Domenica 7 Maggio: seconda edizione della “Passeggiata botanica” alla scoperta di erbe spontanee, alberi e arbusti di Manduria (Ta)

La primavera è ormai iniziata e le piogge delle ultime settimane hanno aiutato la natura a crescere più fresca rigogliosa.
Forse non tutti lo sanno, ma molte erbe spontanee, arbusti e alberi hanno una loro utilità, sono buoni da mangiare e spesso fanno anche molto bene alla salute. In passato, i nostri contadini – soprattutto le donne – riconoscevano, raccoglievano e si servivano di queste piante per molteplici usi.

I motivi per rivalutare questa antica pratica sono molti. Primo fra tutti la fondamentale trasmissione del sapere.
Ma anche il semplice “andare per erbe” ha la sua valenza positiva. Camminare nella campagna regala benessere e serenità. Il pensiero di una persona in cammino è in genere un pensiero “senza fretta”, il che è già un incredibile guadagno.

Per unire la passione per il cammino all’amore per la natura, dopo il positivo riscontro della prima edizione svoltasi nelle campagne di Maruggio (Ta),  l’A.S.D. “Terra Nostra” di Sava (Ta) in collaborazione con la “Pro Loco Sava” e l’A.P.S. “Play your Place” di Maruggio (Ta), Domenica 7 Maggio 2017 organizzano una passeggiata alla scoperta delle numerose piante autoctone e spontanee presenti sul territorio di Manduria (Ta)

L’appuntamento è fissato alle ore 8.30 alla “Masseria Tostini” (ubicata sulla Strada Provinciale n. 96 – che collega Manduria a Francavilla Fontana – al km. 2).

Accompagnati dall’amico Gianfranco Mele – appassionato ed esperto – i partecipanti potranno imparare a riconoscere la ricchezza floristica della zona (fiori ed erbe spontanee, arbusti della macchia mediterranea e alberi) e ad ammirare alcune specie endemiche. Saranno approfonditi l’uso delle erbe in cucina e loro proprietà medicinali.

La passeggiata si concluderà per l’ora di pranzo presso la “Masseria Tostini”, presso la quale ai partecipanti sarà offerto un assaggio di prodotti tipici caseari.
Trattandosi di un percorso ad anello, chiunque potrà raggiungere il luogo d’incontro presso la “Masseria Tostini” (dove si potrà parcheggiare) e ritornare al punto di partenza.

Subito dopo la degustazione, chi lo vorrà potrà intrattenersi ancora e proseguire la passeggiata seguendo un altro interessantissimo percorso.

È consigliato munirsi di abbigliamento e scarpe comode, di cappellino per proteggersi dal sole, di acqua e …di tanta curiosità!

Le Associazioni organizzatrici declinano ogni responsabilità per danni a persone e/o cose: ogni partecipante è responsabile di sé stesso e solleva l’organizzazione da ogni responsabilità.
È previsto un piccolo contributo di partecipazione.

Per maggiori informazioni: Piero Melchiorre – 338.9840265 / Antonio Mancino – 333.3948099

> Leggi l’articolo “Camminare lento nella natura per scoprire la bellezza della flora locale. È successo domenica scorsa, a Maruggio (Ta)”

> Leggi l’articolo “Domenica mattina 17 Aprile: “Passeggiata botanica” alla scoperta di erbe spontanee, alberi e arbusti di Maruggio (Ta)”

In un vecchio articolo del 1992 de “Il Corriere del Giorno”, le speranze e i dubbi degli alunni della Scuola Media “Petrarca” di Maruggio (Ta)

In passato (e forse anche oggi) alcuni docenti – soprattutto quelli di Lettere – solevano spesso stimolare gli alunni alla lettura dei quotidiani in classe, allo scopo avvicinarli ai temi dell’attualità, sviluppando in essi capacità di critica confrontando le stesse notizie date da quotidiani diversi, abituandoli così al confronto e alla discussione.
Inoltre, la lettura degli articoli in aula significava avvicinare gli studenti ad un genere di scrittura del tutto particolare, con evidenti risvolti didattici.

Nei primi anni ’90, il “Corriere del Giorno” – quotidiano fondato a Taranto nel 1947 – ritenendo efficace lo scambio proficuo tra il mondo dell’informazione e quello della scuola, allo scopo di sostenere tutte quelle iniziative didattiche per la valorizzazione dell’attività giornalistica quale strumento di arricchimento comunicativo e di modernizzazione del linguaggio, con il “Progetto Scuola” mise a disposizione delle Scuole della Provincia di Taranto un paio di pagine, ad uso e consumo dei singoli istituti.

Esattamente 25 anni fa, la Scuola Media “Petrarca” di Maruggio (Ta) fu invitata a riempire un’intera pagina del giornale, con contributi vari scritti dagli alunni.
Ed è così che con grande soddisfazione, numerosi piccoli maruggesi di allora – coordinati dai propri professori – si improvvisarono piccoli giornalisti e si cimentarono nella scrittura di brevi articoli su argomenti diversi: dalla promozione alla narrazione della storia del paese, dai sondaggi sulla condizione giovanile agli interrogativi sul futuro, fino alla riflessione sulle problematiche di delinquenza locali.

Il 18 Marzo 1992 il giornale uscì nelle edicole, e fu una grande gioia ritrovare stampate sulla carta le parole, i sogni e le perplessità di tanti nostri piccoli concittadini.

Parteciparono al progetto un gruppo di alunni della II C (tra cui Giancarlo Longo, Isabellanna Prò, Giovanna Fina, Cinzia Marseglia, Francesco Lombardi, Enrico Favale), gli alunni della II D (tra cui Gianluigi Solazzo, Davide Santoro, Aldo Summa, Chiara Pignatelli), e le alunne della classe III E.

Per leggere e scaricare la pagina de “Il Corriere del Giorno” in formato pdf clicca qui