Il 4 Agosto: “Perdersi retu Shangai”, passeggiata narrante nel centro storico di Maruggio (Ta)

Oltre il Salento da cartolina, un viaggio attraverso una Comunità che si racconta.

L’A.P.S. “Play your Place”, l’Arci “Paisà” di Maruggio, in collaborazione con “La Scatola di Latta”, l’associazione culturale “Opera Viva”, l’associazione “Lotus”, i “Cantacunti” e con il patrocinio del Comune di Maruggio, organizzano una passeggiata in ascolto, per promuovere un turismo partecipato e sensibile.

Attraversando l’antico caseggiato detto “Shangai”, gli abitanti insieme agli artisti e agli appassionati guideranno i visitatori nel centro storico, in un itinerario della memoria in cui le bellezze architettoniche faranno da sfondo alle Storie, per riscoprire la vera anima dei luoghi: un filo invisibile che lega la vita delle persone agli spazi del quotidiano, e che vive nel Racconto, nella partecipazione e nello stupore.

Narrazione, fiaba e poesia con gli scrittori Paola Bisconti, Carla Saracino e Michele Montorfano; esposizione d’arte con l’illustratrice Chiara Criniti; teatro di maschere, con l’attrice Marta Vedruccio e il musicista Dario Mennella; cronache musicate con la compagnia di cantastorie “Cantacunti”, rappresentazione teatrale con Maddalena Latorre e Serena Guida; riflessioni sull’identità locale con Gianpaolo Pisconti. Parteciperanno, inoltre Salvatore Favale, Tonino Filomena, Damiano Corrado, Gianfranco Valentini e Nicola de Marco, residenti e conoscitori del centro storico.

Appuntamento alle ore 19,30 presso Largo Umberto I, a Maruggio.

Info: 349.1971486

Ottava edizione di “Addobba e illumina nella tradizione la tua Neviano”

L’Associazione “Ecomuseo del Paesaggio delle Serre di Neviano” e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Neviano (Le), in occasione dei festeggiamenti civili della Madonna della Neve e allo scopo di far rivivere l’antica tradizione delle luminarie artigianali ed artistiche che per tanti anni hanno caratterizzato le vie di Neviano, in occasione della novena, con la loro magia di forme, luci e colori, organizzano l’ottava edizione del concorso “ADDOBBA E ILLUMINA NELLA TRADIZIONE LA TUA NEVIANO”.

Le forme e le dimensioni possono essere varie (stelle, barche, caravelle, torri, lampioni, edicole votive…). I materiali utilizzati: spago, canne, filo di ferro, carta velina e… arte e fantasia!

I lavori saranno valutati ad insindacabile giudizio di una giuria qualificata il 3 AGOSTO 2017 e premiati la sera del 6 AGOSTO 2017 in PIAZZA CONCORDIA.

Ai primi tre classificati sarà consegnata una coppa.

Per informazioni e per iscriversi al concorso contattare il num. 333.5359193

Pietre e muretti a secco. Donatella Murtas ospite del Parco “Otranto-Leuca”

Una giornata dedicata al patrimonio paesaggistico dei muretti a secco raccontato dal noto architetto torinese Donatella Murtas, ideatrice e coordinatrice dell’Ecomuseo dei Terrazzamenti e della Vite di Cortemilia (Cuneo), oggi coordinatrice dell’Alleanza Mondiale per il Paesaggio Terrazzato – Sezione Italiana. 

Nel corso dell’iniziativa in programma per Venerdì 16 Giugno alle ore 17,30 presso il Castello di Andrano (Le) sarà presentato il suo libro:“Pietra su pietra”, realizzato nell’ambito del progetto di cooperazione per la costituzione di una rete ecomuseale per la gestione dei propri paesaggi. Una guida pratica e divulgativa alla costruzione, alla manutenzione e al recupero delle costruzioni a secco, perché chi vive il paesaggio possa continuare o tornare a prendersi cura della propria architettura di pietra. Con l’autrice dialogheranno i maestri paretali salentini.

Dopo i saluti del Presidente del Parco Regionale Naturale Costa Otranto – S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase, ing. Nicola Panico, interverranno Loredana Capone, Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia; Maria Piccarreta – Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Province di Brindisi, Lecce e Taranto e Loredana Magurano – La.Ar.Pa. s.r.l. – Laboratorio di Architettura del Paesaggio.

Nella seconda parte del pomeriggio sarà proiettato il video “Costruire in pietra a secco”, un lavoro sui costruttori a secco nel mondo, realizzato dalla stessa Murtas assieme ad altri colleghi europei all’interno del Lifelong Learning Programme dell’Unione Europea (Leonardo Project).

In questa occasione sarà lanciato il concorso fotografico a premi “Uno scatto per il paesaggio”, i cui lavori verranno presentati con una mostra fotografica presso il Castello di Andrano e itinerante negli altri Comuni del Parco.

L’incontro del 16 Giugno è organizzato nell’ambito del programma delle attività culturali per il triennio 2016-2018 promosso della Regione Puglia, LA.AR.PA. s.r.l. – Laboratorio di Architettura del Paesaggio in collaborazione con il Parco Regionale Naturale Costa Otranto – S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase.

Recupero e realizzazione dei muri a secco con i “Cantieri del Paesaggio” dell’Ecomuseo delle Acque del Gemonese (Ud)

Il progetto dei “Cantieri del Paesaggio” è portato avanti dal Comune di Artegna (Ud) in collaborazione con l’Ecomuseo delle Acque del Gemonese, e si pone l’obiettivo di riscoprire i valori del paesaggio e della tradizione dei luoghi, formando dei volontari che si dedicano al recupero e alla manutenzione dei muretti a secco – così importanti per la tutela del territorio e per la regimentazione del suolo -, con l’obiettivo di tramandare le tecniche costruttive alle nuove generazioni.

Una delle attività più interessanti che coinvolgono la comunità di Artegna – che insieme ad altri sei Comuni fa parte dell’Ecomuseo delle Acque del Gemonese – riguarda proprio l’organizzazione di “Cantieri del Paesaggio” in un territorio caratterizzato dalla presenza diffusa di muri a secco, costruiti nel tempo per assolvere a diversi utilizzi.

Questi cantieri si propongono di recuperare i saperi dei vecchi artigiani e trasmetterli a volontari desiderosi di recuperare questo bagaglio di conoscenze, favorendo lo sviluppo di professionalità locali.

I muri a secco sono innalzati senza l’utilizzo di leganti e quindi richiedono una grande capacità non tanto di carattere progettuale, quanto di carattere realizzativo.

Pertanto i cantieri hanno coinvolto gli esperti del luogo – che hanno acquisito maggiori esperienze nel corso del tempo – al fine di offrire anche ad altri abitanti la possibilità di acquisire le nozioni base per il recupero , la manutenzione e la nuova realizzazione di questi manufatti tipici della cultura contadina.

I cantieri sono strutturati per fasi: occorre preliminarmente togliere le pietre per ricomporre il tratto di muro su cui è necessario intervenire, bisogna poi ricostruire le fondamenta, in seguito di distribuiscono su un piano i vari conci per selezionare quelle che possono essere utilizzate nel ripristino complessivo.

> Guarda il video del laboratorio sui muretti a secco

> Visita il sito dell’Ecomuseo delle Acque del Gemonese

Il poster dell’Ecomuseo di Neviano (Le) alla Conferenza Generale ICOM dello scorso Luglio 2016

Dal 3 al 9 Luglio 2016 si è tenuta la 24a Conferenza Generale ICOM.

Ogni tre anni, ogni volta in un paese diverso, i membri ICOM si riuniscono in un convegno tematico. Quest’anno la città che ha ospitato la Conferenza è stata Milano e l’argomento sul quale si sono confrontati centinaia di rappresentanti provenienti da oltre 130 Paesi è stato: “Musei e paesaggi culturali”. Una settimana di incontri, working group e conferenze, in cui sono stati affrontati i temi legati alla tutela del patrimonio culturale per fronteggiare i disastri ambientali, il ruolo sociale dei musei nelle migrazioni, il dialogo tra musei e territorio, gli Ecomusei.

Anche se materialmente non presente attraverso i suoi soci, l’Ecomuseo del Paesaggio delle Serre Salentine di Neviano (Le) ha comunque ottenuto il privilegio di essere compreso tra quegli altri Ecomusei italiani che – a detta di una giuria apposita – hanno meritato di essere menzionati e compresi negli atti del Forum in quanto punte di diamante dell’esperienza ecomuseale internazionale.

A breve, sarà disponibile una versione in inglese degli atti del Forum, in cui comparirà anche il contributo ufficiale dell’Ecomuseo salentino.
Per il momento sono stati pubblicati gli abstract edizione elettronica sul sito Ecomusei.eu, e il poster dell’Ecomuseo di Neviano può essere visionato e scaricato al seguente link.

Una bella soddisfazione, quindi, per tutto il gruppo di lavoro che da anni si prodiga per far crescere il territorio di Neviano, contribuendo a recuperare i saperi diffusi, promuovendo buone pratiche e valorizzando il patrimonio culturale (materiale ed immateriale) anche in una chiave di sviluppo turistico-economico, ma sempre in un’ottica di autosostenibilità, nel rispetto degli abitanti, dei luoghi e delle tradizioni.

> Leggi l’articolo “Anche l’Ecomuseo di Neviano (Le) sarà rappresentato alla Conferenza Generale ICOM di Milano”