“Madre Nostra”: il film del pugliese Scaraggi su Amazon Prime Video

C’è un giornalista-regista-viaggiatore che gira il mondo a bordo del suo camper Vostok100k: è Lorenzo Scaraggi e i suoi lavori stanno diventando sempre più importanti. Tanto che il suo reportage tra le campagne, un inno alla natura e all’identità del Sud, il documentario Madre nostra è adesso tra le novità di «Amazon su Prime Video», il servizio Tv on demand incluso nell’abbonamento Amazon Prime.

Un traguardo per l’autore bitontino, innamorato delle storie di confine e del suo lavoro on the road. Pensate che ha girato l’Europa con questa «casa» su quattro ruote e ha raccolto le storie di mille e mille persone, dedicandosi all’aspetto migliore e meno praticato della vita umana: l’ascolto. «Abbiamo bisogno di tornare a raccontare storie – dice Scaraggi – c’è una necessità che mette le radici in qualcosa di atavico proprio perché abbiamo bisogno di tornare a riscoprire quello che ci sta intorno, quello che c’è nella nostra storia, quello che abbiamo dimenticato, quello che esiste eppure non riusciamo più a riconoscere. Quello che spesso faccio non è altro che scavare e riportare alla luce».

E così ha fatto con il documentario Madre nostra (prodotto da Fondazione «Con il Sud» e Apulia Film Commission attraverso il Social Film Fund Con il Sud). Il film dura 52 minuti e rivela testimonianze di riscatto sociale: il fil rouge è in realtà il filo verde delle campagne, perché tutto il viaggio è un racconto che si svolge in Puglia fra orti sociali, terre confiscate alla mafia e comunità agricole. Scaraggi ci porta al «Trullo sociale» di San Michele Salentino (Brindisi), alla cooperativa «Semi di vita» a Bari, e poi ancora a Cerignola da «Pietra di scarto» e a «Spazio Esse» a Loseto (Bari).

Ogni tappa è un racconto di vita. E ogni voce, ogni immagine, è una metafora che spiega quanto l’agricoltura sia una via di salvezza. Una madre nostra, appunto, una terra che, sì, è ferita dalla Xylella e dagli orrori del caporalato, ma che è anche foriera di circoli virtuosi e di rinascite collettive.
Il canto dei grilli e il verde o l’oro della campagna pugliese sono scenografie e colonna sonora di un itinerario unico (visibile su Amazon in Italia e in tutti i Paesi anglofoni con sottotitoli all’inidirizzo https://www.primevideo.com/detail/0OO64VUGR8I61KY75PD0V64JHD/).

Il film ha vinto il secondo posto all’Italian Film Festival Cardiff (IFFC) nella sezione #CanfodPrize dedicata ai documentari; è stato premiato a Diritti a Orvieto – Human Rights International Film Festival e al Caorle Film Festival dove ha ricevuto una menzione speciale con la motivazione «Miglior messaggio di speranza». È inoltre vincitore del premio «Miglior poster» al Kosice International Monthly Film Festival, in Slovacchia ed è stato inserito nelle selezioni ufficiali di decine di festival in tutto il mondo.

Le storie del documentario sono storie di riscatto: terre confiscate alla mafia che diventano orti sociali in cui lavorano in comunità persone che provengono da realtà difficili e che ritrovano nella madre-terra la madre-nostra. Il «docu» di Lorenzo Scaraggi con Angelo Santoro (aiuto regista: Giuseppe Fedele, riprese Scaraggi e Namias, assistente al montaggio Paolo Fedele e musiche originali: Alberto Iovene) è un esempio di come possiamo ripartire da noi stessi: dalla nostra terra, dalla natura, dall’amore per l’agricoltura… ma soprattutto dal nostro coraggio di ricominciare.

Autore articolo: Enrica Simonetti
Articolo pubblicato su: “La Gazzetta del Mezzogiorno”

> Altre informazioni sul sito “Apulia Film Commission”

> Leggi l’articolo “Il 2 Agosto il camper del progetto “Lungomare Italia” fa tappa a Campomarino di Maruggio (Ta)”

On-line la versione digitale del volume “Esperienze” relative al progetto “Abitare il Paese”, edizione 2019

Abbiamo il piacere di trasmettervi il link dal quale è possibile visualizzare e scaricare il volume digitale “Esperienze”, che costituisce una parte della pubblicazione – in corso di redazione – relativa alla prima edizione del Progetto “Abitare il Paese”, organizzato dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, in collaborazione con la Fondazione Reggio Children – Centro Loris Malaguzzi.

Questo volume raccoglie il lavoro dei tutor, delle scuole, dei bambini e ragazzi, dei referenti e degli ordini che hanno preso parte al progetto nella sua prima annualità.
Sia le tavole che i testi sono stati realizzati dai tutor e referenti di ogni territorio e sono la restituzione del protagonismo di bambini, ragazzi e adulti con la ricchezza di identità diverse che ha caratterizzato questo percorso.

Per l’Ordine degli Architetti della provincia di Taranto, sono stati coinvolti i tutor architetti Aldo Summa e Nicola Volpe; referente l’architetto Rosanna Bussolotto. 
Gli incontri con gli studenti si sono svolti presso l’Istituto Comprensivo Statale “Luigi Pirandello” del Quartiere Paolo VI di Taranto: la 1A della Scuola Secondaria di Primo Grado e la 2A della Scuola Primaria “Giovanni Falcone”.

> Scarica qui il volume digitale “Esperienze” della prima edizione del progetto “Abitare il Paese”.

> Leggi “Due architetti della provincia di Taranto selezionati per il progetto “Abitare il paese”, con la Fondazione Reggio Children”

> Leggi “Venerdì 4 Ottobre la presentazione pubblica del percorso “Abitare il Paese” a Taranto”

“Lo spilorcio”, libero adattamento di Molière: Venerdì 13 Dicembre a Sava (Ta)

L’A.P.S. “Play your Place” è lieta di invitarvi alla rappresentazione teatrale “Lo Spilorcio”, libero adattamento de “L’avaro” di Molière, che si terrà Venerdì 13 Dicembre alle ore 18.30, nei locali del Laboratorio Urbano, in via Macello n. 1 a Sava (Ta).

L’evento rientra nel progetto di laboratorio di teatro-terapia che i maestri d’arte dell’associazione realizzano da diversi anni con gli ospiti della C.R.A.P – Comunità Riabilitativa Assistenziale Psichiatrica – di Sava, gestita dalla Coop. Soc. “Cadma”, in collaborazione con il DSM di Taranto.
Patrocinio del Comune di Sava (Ta).

L’ingresso è gratuito.

“Metti in mostra il tuo presepe!”. Partecipa all’ottava edizione della mostra organizzata da “Play your Place” di Maruggio (Ta)

Dopo lo straordinario successo delle prime sette edizioni, l’A.P.S. “Play your Place.” di Maruggio (Ta), nell’ambito del progetto pluriennnale “Cultura Arte e Fede”, organizza l’ottava edizione della “Mostra di Presepi”.

La partecipazione alla mostra è gratuita. L’invito è rivolto sia a singoli individui che a gruppi di persone (famiglie, amici…), ma non ad associazioni. Ogni autore può partecipare con una o più opere presepiali e sarà libero di interpretare a suo modo l’episodio della Natività.

Le iscrizioni sono aperte sino al 15 Dicembre 2019. Il Modulo di Iscrizione si può scaricare dal sito dell’A.P.S.: www.playourplace.it e inviato tramite e-mail all’indirizzo dell’A.P.S: pyplace@gmail.com

I Presepi iscritti alla mostra devono essere consegnati o fatti pervenire non oltre il 22 Dicembre 2019, presso il luogo di esposizione, la Chiesa di S. Maria delle Grazie (ex convento dei Frati Minori Osservanti) sita in Via Vittorio Emanuele a Maruggio (Ta).

L’allestimento della mostra (a cura dell’A.P.S.) sarà realizzato all’interno dei Cappelloni dedicati a S. Francesco d’Assisi, S. Pasquale Baylon. Qui i presepi saranno esposti al pubblico durante il periodo natalizio.

L’inaugurazione della mostra è prevista per il 24 Dicembre 2018, dopo l’accensione de “li fuechi ti Cristu Piccinnu”.

La mostra dei Presepi non è competitiva. Scopo della mostra è rendere disponibili gli spazi necessari a tutti coloro che intendono condividere con la comunità il risultato del proprio lavoro artigianale e/o artistico.

Si prega di prendere visione del Regolamento completo e di scaricare il Modulo di Iscrizione alla mostra sul sito dell’A.P.S.: www.playourplace.it.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Parrocchia “SS. Natività di Maria Vergine” di Maruggio (Ta).

> Leggi e scarica il Regolamento e il Modulo d’Iscrizione della Mostra dei Presepi 2019

“Coltiviamo Agricoltura Sociale”: vota il progetto “Benedetti Paduli. Il Giardino delle delizie”

Fino alla mezzanotte del 23 novembre si possono votare on line i più innovativi progetti che partecipano al bando “Coltiviamo Agricoltura Sociale 2019”, organizzato da Confagricoltura e Onlus Senior – L’Età della Saggezza, Reale Foundation, in collaborazione con Rete Fattorie Sociali, Università di Roma Tor Vergata, con l’obiettivo di incentivare l’agricoltura sociale favorendo e accompagnando lo sviluppo di attività imprenditoriali in grado di coniugare sostenibilità e innovazione.

Gli 89 progetti presentati alla scadenza del 15 ottobre provengono da tutte le regioni d’Italia, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia. Con Piemonte, Puglia e Lombardia al vertice della classifica per maggior numero di progetti (rispettivamente 12, 8 e 7). Molteplici gli ambiti presi in esame, che spaziano dall’inserimento di persone con disabilità, all’educazione ambientale e alimentare, fino alla salvaguardia della biodiversità.

I progetti presentati sono stati inseriti, in ordine alfabetico e corredati da un breve abstract e foto, sulla piattaforma internet dedicata www.coltiviamoagricolturasociale.it e possono essere votati dal pubblico. Per votare occorre registrarsi sulla piattaforma nella pagina iniziale, cliccare su “iscriviti”, compilare la griglia e inviare. Arriva quindi un link di verifica che, con clic, vi riporta in “home”. Qui, nella sezione “accedi” occorre confermare mail e password. A questo punto si può votare il progetto prescelto.

Entro dicembre si conosceranno i tre progetti vincitori, che dovranno essere realizzati entro ottobre 2020.

Nel Parco Paduli, in provincia di Lecce, la Cooperativa Olivicola Santa Cristina vuole creare il “Giardino delle delizie”, un luogo in cui forme di vita diverse si mescolano e si adattano per convivere.

Spazi in cui l’impollinazione incrociata avviene attraverso l’incontro. Qui, gli uomini si incontrano, gli anziani del posto, i bambini e i migranti accolti esplorano il territorio per mezzo dell’attraversamento, della narrazione, della Land Art, della conoscenza e dell’agricoltura sostenibile.

Il Giardino delle delizie è l’occasione per indagare i paesaggi di provenienza, far conoscere i paesaggi ospitali, costruire dall’incontro nuovi paesaggi arricchiti, biodiversi e maggiormente resilienti. Attraverso lo scambio di storie, in una dimensione creativa, i saperi si integrano, si riconosce il valore delle differenze, si avviano attività agricole inedite e multifunzionali che offrono un modello sostenibile di ricostruzione del paesaggio del Parco, fortemente inciso dal fenomeno del disseccamento degli ulivi.

> Iscriviti compilando il format e poi vota il progetto “Benedetti Paduli – Il giardino delle delizie”