Profumi, sapori, coltura e cultura antichi: riscoperto lo zafferano nel territorio di Maruggio e Campomarino

Fare promozione del territorio significa anche guardarsi attorno per individuare quegli elementi singolari che possono suscitare la curiosità e fare la differenza rispetto al contesto. Ed è sempre con questo spirito che l’A.P.S. “Play your Place” cerca di offrire occasioni di conoscenza, nel tentativo di valorizzare il patrimonio materiale ed immateriale, incoraggiando e collaborando con tutti quegli operatori del turismo e della produzione che concorrono ad arricchire l’esperienza di visita e di scoperta.

Stamattina, nonostante il tempo non fosse dei migliori, abbiamo ugualmente confermato una passeggiata che – diversamente – non avremmo potuto posticipare, perché ciò che avevamo intenzione di promuovere non era tanto il paesaggio rurale, quanto una coltivazione, che proprio e solo in questo periodo è all’apice della fioritura. Spostare l’iniziativa anche solo di una settimana avrebbe pregiudicato il colpo d’occhio.

Per fortuna il cielo è stato clemente e in tanti hanno voluto partecipare a questa originale escursione.
Dal boschetto di lecci della cosiddetta “Maviglia Piccola”, il gruppo dei curiosi si è spostato presso l’antica e misteriosa masseria omonima, laddove pure crescono – sotto gli alti pini – alcuni esemplari di croco selvatico.

Immersi nel paesaggio dei muretti a secco, dei trulli e delle “casodde”, a passo lento, abbiamo raggiunto il piccolo campo tappezzato di fiori rosa.
Anticamente (lo attesta una mappa della metà del ‘500 in cui compare la scritta “Hic tractus abundat crocu”, e la “Descrizione, Origini e Successi della Provincia d’Otranto”  di Girolamo Marciano, vissuto nel ‘600), Maruggio veniva menzionata non solo per le ampie distese di uliveti e vigneti e per la produzione di olio e vino, ma pure per le rigogliose piantagioni di croco, dal quale si ricavava il prezioso zafferano.

Dopo tanti secoli – durante i quali a Maruggio si è persa traccia di questa coltura – due coraggiosi nostri concittadini – Adriano Greco e Nella Curri, dell’azienda “Zafferano di Campomarino” – hanno provato a ripiantarla e a commercializzarla, con ottimi riscontri.

Ma questa coltura (e questa cultura) va fatta conoscere meglio, e per questo è nata questa giornata: Adriano ha sapientemente illustrato le origini, le tecniche di coltivazione dei bulbi, di raccolta dei fiori ed essiccazione dei pistilli; Nella, invece, si è preoccupata di preparare delle gustosissime puccette impastate utilizzando zafferano con la farina biologica dell’azienda agricola “La ‘ngegna” di Marco Piccinni, e delle deliziose mandorle tostate al profumo di zafferano.


Sul tavolino elegantemente allestito faceva bella vista un cesto colmo di fiori appena raccolti, che ha emanato un’essenza intensa e stimolante.


Per concludere in dolcezza, la pasticceria “Delicieux Sweet Bar” – del Maestro pasticciere Matteo Summa – ha proposto dei buonissimi biscotti, anche questi fatti con lo zafferano.

Tra gli altri, erano presenti la Consigliera Antonella Friscini – in rappresentanza del Comune di Maruggio, che ha patrocinato l’evento -, l’amico Tommaso Duggento – di “Maruggio e Dintorni Story” – che ha documentato la giornata con la sua inseparabile fotocamera, e gli amici dell’A.S.D. “Terra Nostra” di Sava, attenti e sensibili partner nell’organizzazione di cose belle per e con il nostro territorio.

Cammina, conosci e gusta: Domenica 17 Novembre, alla scoperta dei campi fioriti di zafferano nel territorio di Maruggio (Ta)

Forse non tutti sanno che nei secoli scorsi, assieme alle più rinomate coltivazioni di vite, grano e ulivi e alle relative produzioni, in Salento erano molto rigogliosi i campi di zafferano (che si ottiene dal pistillo del fiore di “crocus sativus”).

Un’importante testimonianza dell’abbondante presenza di zafferano nella penisola salentina la troviamo in una meravigliosa mappa della Puglia (risalente al 1567 e stampata nel 1601) in cui compare la scritta “Hic tractus abundat crocu” per indicare la zona della Terra d’Otranto in cui si era particolarmente sviluppata la raccolta dello zafferano ottenuto dal croco.

Anche nel territorio di Maruggio – in provincia di Taranto -, questa produzione era già in uso nei tempi passati. Lo stesso Girolamo Marciano (vissuto a cavallo tra la fine del ‘500 e l’inizio del ‘600), nel suo “Descrizione, Origini e Successi della Provincia d’Otranto scrive: «Quindi caminando più oltre miglia due si trova la terra di Maruggio, miglio uno dalla marina distante. Chiamano questa terra Marubium, altri Maurubium e Maurusium, da’ Mauri, ovvero Mori, i quali dicono averla abitata […]. Oggi si possiede questa terra dalla Religione di Malta de’ Cavalieri di S. Giovanni, a cui la donò una donna cognominata de Pandis per avere i Cavalieri accettato nella religione un suo figliuolo per nome……. l’anno….. Giace questa Terra in luogo fertile, ameno, e salutifero. Ha dalla parte di tramontana un colle, che le fa riparo, e dall’ostro un miglio lontano il mare, dall’oriente ed occidente campagne ed oliveti con territorii fertilissirni d’erbaggi, grani, vini, olii, lini, zafferano, uve passe, fichi, ed altri frutti in abbondanza. ».

Al giorno d’oggi, sempre nel territorio di Maruggio è ancora possibile trovare zafferano selvatico nelle campagne, ma – cosa ben più importante – negli ultimi anni una famiglia del posto ne ha voluto riprendere la coltivazione.
I coniugi Adriano e Nella Greco, infatti, hanno messo su un’azienda e, un po’ alla volta, stanno crescendo in visibilità e commercializzazione.

Domenica 17 Novembre 2019, l’A.P.S. “Play your Place” – assieme a “Zafferano di Campomarino”, “La ‘ngegna” di Marco Piccinni e con il patrocinio del Comune di Maruggio – organizzano una passeggiata per raggiungere proprio i campi coltivati a zafferano, che in questo periodo sono in fiore. Lì gli amici dell’azienda illustreranno ai presenti le origini, le caratteristiche, le fasi di semina e raccolta di questa preziosa spezia.

Per tutti, una gustosa degustazione di prodotti dolciari preparati con lo zafferano dalle mani esperte di Matteo Summa, titolare della pasticceria “Delicieux Sweet Bar”.

Si parte alle ore 9.00 dal punto di ritrovo, che è presso il Boschetto della Maviglia.
Il percorso è lungo circa 4 km (A/R) e non presenta particolari difficoltà.

La partecipazione è GRATUITA, ed è gradita la prenotazione al num. 349.1971486.

Si consiglia di equipaggiarsi con abbigliamento comodo, cappellino per ripararsi dal sole, acqua a sufficienza ed eventualmente anche di fotocamera. Le Associazioni non rispondono di eventuali danni o persone partecipanti all’evento.

La “Giornata del Camminare” di Maruggio: benessere, condivisione e scoperta

Oggi l’invito è esteso a tutti, grandi e piccoli, a tutti coloro che abbiano voglia di condividere una giornata di sole e spensieratezza.

Infatti davanti al punto di ritrovo (presso l’azienda agricola “Olivaro”, nel territorio di Maruggio), notiamo con piacere che si raccolgono un centinaio di persone, e dopo una breve esposizione da parte dei presidenti delle associazioni “Play your Place” – Aldo Summa – e “Terra Nostra” – Piero Melchiorre -, non resta altro che immergersi nelle terre dagli olivi centenari.

Il sole splendente accende i colori che cominciano già ad assumere la morbidezza dei toni autunnali.
I piccoli camminatori scorrazzano contenti, contagiando di allegria con la loro freschezza e vivacità.

Su uno spiazzo che ospita quattro straordinari trulli in fila, sostiamo, adottandoli come cornice per le foto ricordo più belle della giornata. Questi trulli risalenti alla fine del 1800, ospitavano i contadini in alcuni periodi dell’anno, per la raccolta delle olive o dei fichi.

La tappa successiva ci porta a Masseria “Gravara”, situata su un modesto altopiano da cui si domina la campagna circostante. Siamo vicini al mare e ci sembra di intravederlo sfumato in lontananza o forse ne sentiamo solo la presenza rassicurante e il respiro, un poco salmastro, nell’aria. La grande masseria pure se in stato di abbandono, conserva la sua impronta elegante con le scalinate che portano al piano di sopra e quasi intatti i portici, le stalle e le scuderie.

Ora si ritorna, ammirando i grandi olivi carichi di frutti e davanti all’azienda agricola ci attende un piccolo ristoro con gli squisiti formaggi di loro produzione e acqua fresca a volontà per tutti.

Siamo soddisfatti per la riuscita della manifestazione, ma soprattutto per la presenza di tanti piccoli ospiti, che con i loro passi saltellanti e instancabili, ci hanno ricordato quanto sia naturale, se possibile, intraprendere un breve cammino anche nella vita di tutti i giorni.

Ringraziamo tutti i partecipanti, la famiglia Merendino dell’azienda agricola “Olivaro” e il Comune di Maruggio – rappresentato, per l’occasione, dall’Assessore Danilo Chiego e dai Consiglieri Antonella Friscini e Tiziana Destratis – per aver patrocinato l’evento.

Vi aspettiamo chi ha voglia di continuare l’avventura per la prossima domenica, sempre con “Terra Nostra”.

Concludiamo riportando un pensiero dell’amica Mariella Spagnolo:

“CAMMINARE ci ri-genera, ci ridona benessere, scioglie la tristezza che ci portiamo chiusa dentro. Ci inoltriamo attraversando uliveti centenari, e lungo sentieri delimitati da una vegetazione autunnale che ci scalda il cuore.

Il cielo limpidissimo e il sole caldo riaccendono suggestioni d’estate ancora non del tutto svanite. In un momento di sosta contempliamo la maestosità di antiche costruzioni rurali che resistono al tempo. Riprendiamo il cammino, ora in silenzio, ora scambiando parole, mentre gli occhi ritrovano, inaspettatamente, incantevoli paesaggi interiori che credevamo perduti”.

Autore articolo: Clarita Fornari, A.S.D. “Terra Nostra”

Il 16 Agosto: “Andar per trulli e casodde” nel paesaggio di Maruggio (Ta), col pittore Palù

Il paesaggio rurale salentino è caratterizzato dalla presenza di numerosi manufatti dell’edilizia spontanea contadina. Si tratta di ricoveri stagionali, realizzati con materie prime essenziali, e frutto di mani esperte.

Per riscoprire e valorizzare questo patrimonio culturale diffuso sul territorio, l’A.P.S. “Play your Place” organizza: “Andar per trulli e casodde”, un’escursione guidata  nella zona “Maviglia”, densamente disseminata di ulivi secolari e muretti a secco.

Parteciperà all’iniziativa il pittore Pietro Palummieri (in arte Palù), che all’esaltazione degli scenari campestri ha dedicato la maggior parte della sua attività artistica.

Iniziativa con il patrocinio del Comune di Maruggio.

Luogo di ritrovo: Piazza S. Giovanni, ore 17.00.
Contributo di partecipazione: 5 euro a persona.
Informazioni e prenotazioni: 349.1971486

Il 5 Maggio prossimo: “Primatiu Road”, camminata non agonistica nelle terre del Primitivo

Per la prima volta, l’A.S.D. “Terra Nostra” di Sava (Ta) organizza una lunga passeggiata di circa 45 km, da effettuarsi nell’arco di una intera giornata.

“Primatiu Road” parte dal centro abitato di Sava passando per la Cappella dello Schiavo e il Santuario della Madonna di Pasano, per continuare su sentieri e tratturi che attraversano i territori ulivetati e rigogliosi di macchia mediterranea di Maruggio e Manduria, fino ad arrivare al maestoso Bosco Cuturi. Risaliremo dal Monte Bagnolo verso il borgo di Uggiano Montefusco per così rientrare al punto di partenza.

Punto di accoglienza nella centrale piazza S. Giovanni a Sava alle ore 7.30 per la registrazione , il ritiro kit di partecipazione e la colazione offerta dagli organizzatori. La partenza è prevista da Piazza Risorgimento, alle ore 8.30.

Durante il percorso, sono previsti ben 3 punti di ristoro – a 10, 25 e 35 km – e un servizio navetta per rientro anticipato, a cura dell’associazione ospitante.

È prevista una quota di partecipazione.

L’evento ha ottenuto il patrocinio dei Comuni di Sava, Manduria e Maruggio, ed è in collaborazione con ENDAS Puglia, GAL “Terre del Primitivo”, le “Pro Loco” di Sava, Manduria e Maruggio e con l’A.P.S. “Play your Place”. Partner della manifestazione: Decathlon Brindisi.

Per ulteriori info: asd.terranostrasava@libero.it

334.3477737 (Antonio) / 338.9840265 (Piero)