Domenica 24 Febbraio: “FAI… una visita a Maruggio”. La Delegazione tarantina alla scoperta del nostro centro storico

Tra gli eventi programmati nel calendario della Delegazione del FAI (Fondo Ambiente Italiano) di Taranto, Domenica 24 Febbraio è prevista una gita culturale alla scoperta di Maruggio, fortemente voluta da un gruppo di soci maruggesi.
La visita guidata nel centro storico sarà a cura dell’arch. Aldo Summa.

Maruggio è un piccolo centro della Provincia di Taranto, situato in un’amena vallata ricca di uliveti e vigneti ai piedi delle Murge Tarantine, a due chilometri dal mar Jonio.
Il borgo fu fondato nel Medioevo tra il IX-X secolo e la sua storia è stata caratterizzata dalla presenza dei Cavalieri Templari prima e dai Cavalieri di Malta poi. Soprattutto questi ultimi, nel loro governo ininterrotto di ben cinque secoli dal Trecento all’Ottocento, hanno arricchito il paese dal punto di vista artistico.

Il centro storico – detto anche “Sciangài” in lingua locale o “Terra murata” – racconta ancora oggi il glorioso passato del paese, e si presenta oggi come un piccolo dedalo di viuzze lungo le quali si affacciano le numerose testimonianze storico-artistiche del borgo, tra cui la possente Chiesa Matrice, il Palazzo dei Commendatori, la Torre dell’Orologio e tutta una serie di palazzotti signorili decorati con balconate e logge di gusto barocco e piccole casette imbiancate a calce.

Proprio per la ricchezza del patrimonio storico-artistico maruggese, il paese è stato inserito tra i “Borghi più Belli d’Italia”.

In programma, inoltre, le visite presso la bottega artigiana del Maestro presepista Franco Vaccarella e presso il trappeto del 1848 di proprietà della famiglia De Marco. A conclusione della passeggiata, i partecipanti potranno approfondire la coltivazione e la lavorazione dei preziosi pistilli di zafferano, confezionati e commercializzati dai coniugi Adriano Greco e Nella Curri.

> Guarda qui la Gallery del borgo antico di Maruggio

Fonte: FAI – Fondo Ambiente Italiano

“Percorsi di Storia”: tre domeniche a piedi, per riscoprire la bellezza di Sava, Maruggio e Manduria

Favorire il benessere del corpo e della mente con un programma di passeggiate in luoghi insoliti e suggestivi, combinando la bellezza del paesaggio alla storia e alle tradizioni culturali delle città. E’ con questo spirito che le Associazioni “TerrA NostrA”, “Play your Place” “Pro Loco Sava” ,”Pro Loco Maruggio”, “Profilo Greco” ed Endas (impegnate costantemente nella promozione turistica e culturale del nostro territorio) organizzeranno per tre domeniche di Dicembre altrettante visite guidate a Sava, Maruggio e Manduria.

Tre imperdibili appuntamenti per i residenti e per i visitatori, per i curiosi e gli appassionati che intendono saperne di più, conoscere e apprezzare meglio i luoghi nei quali vivono e muovendosi lentamente osservare ciò che ci circonda da una prospettiva inedita, ri-scoprendo beni culturali aperti o accessibili per la prima volta.

Alla fine di ogni camminata, i partecipanti potranno arricchire l’esperienza di visita degustando prodotti tipici e vini locali.

Questo il programma:

Domenica 9 Dicembre: “La devozione popolare a Sava”

In compagnia della guida turistica arch. Aldo Summa, si percorrerà un itinerario che tiene insieme manufatti e luoghi sacri, dalla Cappella Immacolata vecchia alla Chiesa della Croce, passando per il Cimitero Vecchio, la Cappella dello Schiavo ed altro ancora.

Il ritrovo è in Piazza San Giovanni con partenza prevista per le ore 9.00. Per informazioni contattare il seguente nr. 333.1845685

Domenica 16 Dicembre: “Alla scoperta del centro storico di Maruggio”

Sempre l’arch. Aldo Summa accompagnerà i visitatori in un percorso urbano che si snoderà tra le strette vie dell’antica “Terra Murata” raggiungendo luoghi come il Palazzo dei Commendatori dei Cavalieri di Malta, la Chiesa Madre, l’ex Convento e alcune botteghe d’arte presepiale.

Il punto di ritrovo è presso Largo Umberto I, vicino al Monumento ai Caduti. Si parte alle ore 9.00. Per informazioni nr. 349.1971486

Domenica 23 Dicembre: “Due passi dentro e fuori Manduria”

Insieme alla guida turistica dott. ssa Angela Greco, gli ospiti avranno la possibilità di muoversi lungo un itinerario che partendo dall’area archeologica (San Pietro Mandurino) giungerà nel cuore della città messapica.

Ci si ritrova presso il parcheggio di via Fabio Massimo e si parte alle ore 9.00. Per informazioni chiamare il nr. 334.3477737

L’iniziativa è patrocinata dai Comuni di Sava, Maruggio e Manduria. L’evento è in collaborazione con “Cantina Bosco” di Avetrana.

È previsto un contributo di partecipazione.

Le proposte didattiche di “Play your Place” per l’a.s. 2018/2019

Come tutti gli anni, prima dell’avvio del nuovo anno scolastico, l’A.P.S. “Play your Place”– da sempre impegnata nella didattica e nell’accompagnamento intellettuale dei più piccoli – ha presentato alla Scuola di Maruggio alcuni nuovi progetti educativi, con l’auspicio che essi possano essere inseriti nella programmazione ordinaria.

Oltre a garantire un costante e professionale servizio di accompagnamento degli alunni alla scoperta del ricco patrimonio storico, artistico-architettonico e naturalistico, mediante visite guidate nel centro storico, nelle chiese parrocchiali di Maruggio e sulle Dune di Campomarino, con metodi e strumenti sempre nuovi, da molti anni “Play your Place” si dedica con passione all’organizzazione di percorsi formativi legati ai temi della conoscenza del territorio, della sensibilizzazione ambientale e della cittadinanza attiva, che puntano allo sviluppo delle competenze e alla crescita culturale delle nuove generazioni.

Iprogetti didattici proposti alle scuole per l’anno scolastico 2018/2019 sono di seguito sintetizzati.

  • Il progetto “I Santi sui muri. Censimento partecipato delle edicole votive di Maruggio” intende promuovere l’arte come strumento di conoscenza del patrimonio storico artistico e culturale locale.
  • Il principale obiettivo educativo che si prefigge il progetto “A scuola nessuno è straniero. Primo approccio alla multiculturalità” è quello di avviare gli alunni all’educazione interculturale per stimolarli all’accettazione e al rispetto reciproco e cioè educarli al rapporto con gli altri aiutandoli a scoprire l’“altro” in quanto valore, risorsa, diritto e possibilità di crescita indipendentemente dalla nazionalità, razza, sesso, colore, religione, opinione politica, ecc. che sono le basi essenziali per un’educazione alla pace.
  • “Vivi responsabile. I bambini abitano, consumano e si muovono sostenibile” è un percorso partecipato che coinvolge un gruppo di bambini e le loro famiglie, nello sperimentare insieme l’ecologia in città, approfondendo il tema dell’educazione ambientale, sviluppando comportamenti individuali e collettivi per vivere sostenibile e diffondendo nuovi stili di vita.
  • Il progetto “A scuola da soli”. Progetto di percorsi casa / scuola in sicurezza, a piedi o in bicicletta” si propone, pertanto, di individuare modelli di mobilità alternativi al caotico, solitario e nocivo (per la salute di tutti) utilizzo eccessivo dell’automobile privata, soprattutto per gli spostamenti da casa a scuola, sviluppando la capacità di spostamento autonomo e sicuro dei bambini e dei ragazzi, sperimentando il cosiddetto “Pedibus”, un “autobus” fatto di bambini, genitori, volontari che si muove a piedi per coprire la distanza che separa le proprie case dalla scuola.
  • Il concetto di progettazione partecipata che sottende alla proposta didattica “Progetta il tuo parco. Itinerario didattico di progettazione partecipata”, si fonda sulla convinzione che un luogo appartenga prima di tutto a chi lo abita e lo utilizza, e non solo a chi lo realizza. È dall’ascolto della varie esigenze, dall’incontro dei diversi bisogni, dalla negoziazione delle divergenze che può scaturire il nuovo disegno dei luoghi e degli spazi che, oltre che piacevoli, devono essere accoglienti, vivibili, stimolanti, coinvolgenti.
  • Il progetto didattico “Impariamo a presentare. Creare presentazioni animate è un gioco da ragazzi” intende fornire agli studenti (ma anche ai docenti) tutte le indicazioni necessarie per prendere dimestichezza con le funzionalità e le possibilità offerte da strumenti quali “PowerPoint”, “PowToon” e “Prezi”.
    La proposta può essere destinata sia ai docenti (che desiderano colmare eventuali “gap” e utilizzare strumenti adeguati per preparare lezioni sempre più interessanti) che agli studenti (che hanno voglia di imparare a realizzare presentazioni accattivanti, da utilizzare magari per illustrare la tesina dell’esame).
  • Avvalendosi di altre Associazioni partner, di Enti ed esperti locali, la  proposta didattica integrata “Sopra e sotto il mare” (che può essere sviluppata singolarmente o svolta per intero) consentirà di approfondire tematiche sul contesto marino, utilizzando metodi innovativi, al fine di giungere ad un maggior coinvolgimento degli alunni per un efficace azione di sensibilizzazione ambientale.Per info: 349.1971486

Il 2 Agosto il camper del progetto “Lungomare Italia” fa tappa a Campomarino di Maruggio (Ta)

Da metà giugno e  fino alla fine dell’estate, Lorenzo Scaraggi (giornalista, fotografo, reporter, viaggiatore, narratore di storie) è in viaggio per il progetto “Lungomare Italia”.
Lentamente, a bordo del suo vecchio camper “Vostok”, Lorenzo sta percorrendo tutte le coste italiane da Ventimiglia a Trieste alla ricerca di storie di uomini e di luoghi. Si tratta della “Lunga strada di sabbia” percorsa da Pasolini nel 1959.

Cosa è cambiato in questi quasi 60 anni? Come vivono gli italiani il loro rapporto con il mare? Quella che era una strada di sabbia oggi è diventato un lungomare, in tutte le sue accezioni.

Il viaggio di Pasolini diventa un pretesto narrativo per andare alla ricerca di storie che parlino di mare, di uomini, di luoghi ma anche di tutto quanto di ancestrale esiste nel rapporto tra uomini, ambiente, storie e arte.

Pubblicato da Vostok100k su Venerdì 29 giugno 2018

Giovedì 2 Agosto 2018, il progetto “Lungomare Italia” farà tappa a Maruggio e nella sua frazione sul mare Campomarino , in provincia di Taranto, dove con i tanti amici dell’A.P.S. “Play your Place” accoglieremo Lorenzo, per fargli conoscere le storie che hanno a che fare con le tradizioni o l’innovazione, storie di carattere antropologico o sociale, storie di folklore o anche di gastronomia, eccellenze locali, antichi mestieri, storie di inclusione, antiche pratiche o coltivazioni, eventi pittoreschi ma anche luoghi meravigliosi, centri storici, castelli, cattedrali o luoghi immersi nella natura.

> Per conoscere meglio il progetto “Lungomare Italia”, visita il sito “Vostok100k”

> Consulta la pagina fb “Vostok 100k”

> Oppure guarda il canale YouTube

Emozioni a colori per l’Estemporanea di Pittura svoltasi a Maruggio e Campomarino

In una calda e assolata Domenica di inizio Giugno, una decina di giovani e intraprendenti artisti provenienti dai paesi limitrofi si sono dati appuntamento a Maruggio e Campomarino, per partecipare e competere nell’Estemporanea di Pittura organizzata per valorizzare i talenti creativi locali e per promuovere i contesti paesaggistici urbani e del litorale.
In un tempo in cui bastano pochi centesimi di secondo per cliccare un pulsante sulla fotocamera o lo schermo di uno smartphone per catturare la bellezza dei luoghi, l’idea è stata quella di rallentare, concedendo il tempo necessario per assorbire le emozioni, e poi attraverso il pensiero e la creatività, imprimerle sulla tela o su un foglio.

Nonostante il concorso fosse rivolto anche agli artisti più maturi, e benché siano pervenute alcune adesioni, il numero di potenziali partecipanti nella categoria “senior” non è stato sufficiente a garantire una competizione credibile.  Pertanto gli organizzatori sono stati costretti ad annullare il concorso destinato a questa categoria.

Tuttavia, l’Estemporanea di Pittura si è regolarmente svolta con coloro che si sono iscritti nella categoria “under 18”, che hanno risposto con interesse e hanno regalato non poche soddisfazioni.

Dopo la fase di registrazione, ognuno ha scelto una location (la maggior parte dei ragazzi ha scelto di rappresentare il mare, le dune e il porto di Campomarino…complice probabilmente la calura e la possibilità di cogliere spazi più aperti).
Solo il nostro Vincenzo Defazio ha voluto cimentarsi con la rappresentazione “en plein air” dei più belli monumenti del centro storico: il chiostro dell’ex Convento e la Chiesa Madre.

Un paio d’ore abbondanti è stato il tempo a disposizione dei giovani artisti. Sempre troppo poche per chi ha voglia di applicarsi per realizzare un’opera d’arte.
Ad ogni modo, i lavori presentati sono stati di buona fattura e molto significativi, al punto da mettere in crisi anche i componenti della Giuria (composta dal Sindaco Alfredo Longo, dal pittore Pietro “Palù” Palummieri, da Chiara Gioia per la “Pro Loco” e da Wanda Digiacomo per “Spazio Ciprea”), che hanno dovuto ragionare a lungo prima di pronunciare un responso.

Tutti i lavori, in ogni caso, sarebbero stati meritevoli di premiazione, non fosse altro per l’impegno profuso, per la sensibilità dimostrata e per il coraggio nel mettersi in gioco confrontandosi con gli altri.

Ma la gara presupponeva di operare delle scelte, e alla fine sono risultati vincitori:

  • 1° posto ex aequo: Emanuele Gigantelli
  • 1° posto ex aequeo: Alessia Bisconti
  • 2° posto: Francesca Occhilupo
  • 3° posto: Federica Soloperto

I premi sono stati messi a disposizione da “Spazio Ciprea”, spazio espositivo artistico di prossima apertura nel centro storico di Maruggio .

Un ringraziamento particolare a Peppe Guida, professore di molti dei ragazzi partecipanti, che ha saputo coinvolgerli e motivarli, al punto che i ragazzi stessi – entusiasti dell’iniziativa – già propongono di organizzare altri eventi simili, con modalità nuove.
Grazie anche all’amico Fabio Giorgino (altro bravo artista locale) per aver dato una mano nell’organizzazione dell’evento, a Tiziana Destratis (consigliera delegata alla promozione turistica) per aver creduto fin dall’inizio in questo concorso, e a Giovanni Daurora (componente della locale “Misericordia”) per aver ospitato la Giuria nelle fasi di valutazione.

La manifestazione è stata ideata e organizzata dall’A.P.S. “Play your Place” e da “Spazio Ciprea”, in collaborazione con la “Pro Loco” di Maruggio e con “Maruggio Experience. Ente patrocinante il Comune di Maruggio.