Rassegna “Tu non conosci il Sud. Letture Mediterranee”: il 7 Aprile presentazione de “I trappeti ipogei di Sava” di Marika Danila Milizia

Nell’ambito della rassegna culturale maruggese “Tu non conosci il Sud. Letture Mediterranee”, Sabato 7 Aprile alle ore 18,30 presso la sede dell’Associazione “Terra dei Cavalieri di Malta” ubicata in Via Umberto I n. 45, si terrà la presentazione del libro di Marika Danila Milizia dal titolo “I Trappeti Ipogei di Sava. Rilievi e studi per la conservazione” (Edizioni Esperidi).

A Sava – paese alle porte di Taranto – è più o meno nota la presenza di trappeti ipogei, luoghi di lavorazione delle olive, l’“oro verde” la cui coltura caratterizza tutta la Puglia. Nel volume, l’autrice – architetto specializzata in restauro architettonico – realizza una ricognizione precisa e puntuale di tredici strutture ipogee, i trappeti appunto, analizzandone i caratteri costruttivi e arricchendo il tutto con rilievi e immagini che ne illustrano il degrado e/o la situazione attuale. Interessante poi è la proposta conservativa e di restauro.

Dialogherà con l’autrice Aldo Summa – dell’A.P.S. “Play your Place” – ed interverranno Giuseppe Caraccio – Presidente dell’Associazione “Terre dei Cavalieri di Malta”, e Maurizio Schirone – Consigliere delegato alla Cultura.

L’iniziativa è ideata ed organizzata dalle Associazioni ARCI “Paisà”“Bentornati al Sud”“Lotus”“Play your Place” e “Terra dei Cavalieri di Malta” di Maruggio (Ta), ed è patrocinata dal Comune di Maruggio.

Media partner: LAIKA “Web Radio Paisà” e Idea Radio.

Per info e contatti: Facebook: TU NON CONOSCI IL SUD Letture Mediterranee – Email: letturemediterranee@gmail.com

“Dalla Piana Messapica alle trincee della Grande Guerra”. La ricerca storica delle volontarie del Servizio Civile “Pro Loco Maruggio”

Un lavoro attento e minuzioso, ricco di informazioni, documenti e fotografie quello compiuto dalle volontarie del Servizio Civile della “Pro Loco Maruggio” – Teresa Maiorano e Lucrezia Moldavio.
Siamo lieti di presentarvi il risultato del lavoro e dell’impegno nel recupero storico, svolto nel corso dell’anno 2017.

Grazie a queste ragazze, i nostri Eroi Caduti durante la Prima Guerra Mondiale sono usciti dall’oblio del tempo e della memoria.
Buona lettura!

> Per leggere e scaricare, clicca qui.

“Corso di Cucina Tipica” della Pro Loco di Maruggio: Domenica 26 Novembre a “Le Fabriche” prepariamo “li purcidduzzi e li quazuni”

Tornano le originali ed inimitabili lezioni del “Corso di Cucina Tipica” organizzato dalla “Pro Loco Maruggio”.

Con questo percorso, la “Pro Loco Maruggio” intende trasmettere –  attraverso la conoscenza dei prodotti nostrani e delle ricette delle nonne – la passione per il territorio e per una tradizione culinaria che fatica ad essere tramandata, offrendo altresì – sia ai maruggesi che ai visitatori – la possibilità di cimentarsi con la lavorazione dei prodotti e la preparazione dei piatti, immergendosi nella cultura immateriale della nostra comunità.

I partecipanti (muniti di grembiule, mattarello ed ogni altro utensile che verrà prestato in loco), saranno affiancati di volta in volta dalle più brave casalinghe locali, che la “Pro Loco Maruggio” ha fortemente voluto coinvolgere in quanto custodi di saperi, tecniche e utili consigli.

Finora si sono svolte – con evidente successo – tre lezioni: la prima – svoltasi Domenica 26 Marzo scorso presso la Masseria “Le Fabriche” – era incentrata sulla preparazione delle tradizionali “puddiche” pasquali; nel corso della seconda lezione – che si è tenuta il 9 Maggio presso l’Affittacamere “Luvì” – sono stati preparati “li pizzarieddi”; la terza si è tenuta presso il B&B “Le Vele”  lo scorso 8 Giugno, e nell’occasioni sono stati sfornati “li pezzuri”.

Visto l’avvicinarsi delle festività natalizie, la quarta lezione del “Corso di Cucina Tipica” sarà dedicata alla preparazione dei dolci tipici locali: “li purcidduzzi e li quazuni”. La lezione si svolgerà Domenica 26 Novembre a partire dalle ore 9.00 presso la “Masseria Le Fabriche“, ubicata sulla Strada Provinciale Maruggio-Torricella.

La durata della dimostrazione (preparazione e cottura dei prodotti, comprensiva della degustazione finale) è di circa tre ore, e comunque si concluderà entro l’orario di pranzo.

Per ovvie ragioni di spazi e di organizzazione, il corso è limitato a un numero massimo di 10 partecipanti. Qualora dovessero esserci ulteriori richieste, la lezione del “Corso si Cucina Tipica” sarà riproposta nei modi e nei tempi che saranno tempestivamente ed opportunamente comunicati.

Il contributo di partecipazione è di € 5,00.

É possibile ricevere ulteriori informazioni e prenotarsi esclusivamente contattandoci al seguente numero telefonico: 328.2624851 (no SMS).

Il corso è organizzato in collaborazione con l’A.P.S. “Play your Place”che già da tempo sta divulgando una serie di originali quaderni fotografici sfogliabili on-line (e inviati in formato .pdf a richiesta): “Le ricette – illustrate – della tradizione maruggese”, utile strumento per imparare autonomamente a “mettere le mani in pasta”.

Al progetto hanno aderito – in maniera entusiastica – una serie di attività ricettive (la Masseria “Le Fabriche”, il B&B “Luvì” e il B&B “Le Vele”, e altre se ne stanno aggiungendo…), che oltre ad ospitare le lezioni del corso, durante l’anno potranno avvalersi della collaborazione degli organizzatori per proporre il format dell’esperienza anche ai loro ospiti.

Nasce così una rete virtuosa che di fatto mette insieme le persone con le loro idee (prima di tutto), le Associazioni culturali e di promozione territoriale con gli operatori dell’accoglienza turistica (strutture ricettive e della ristorazione), a vantaggio dello sviluppo dell’intera comunità.

Media partner dell’iniziativa è “La Voce di Maruggio”. Patrocinio del Comune di Maruggio.

> Leggi l’articolo “Con il “Corso di Cucina Tipica” della Pro Loco, i sapori e saperi della tradizione gastronomica maruggese alla portata di tutti”

> Leggi l’articolo ““Corso di Cucina Tipica” della Pro Loco di Maruggio: Domenica 26 Marzo a “Le Fabriche” prepariamo “li puddichi””

> Leggi l’articolo ““Corso di Cucina Tipica” della Pro Loco di Maruggio: Martedì 9 Maggio da “Luvì” prepariamo “li pizzarieddi”” 

> Leggi l’articolo ““Corso di Cucina Tipica” della Pro Loco di Maruggio: Giovedì 8 Giugno a “Le Vele” prepariamo “li pezzuri””

23-24 Settembre a Neviano (Le): cultura a 360° con le “Giornate Europee del Patrimonio” e la “Giornata del Paesaggio” dell’Ecomuseo

Da qualche tempo, il “Museo del Territorio” di Neviano (Le) è entrato a far parte del Polo Museale della Puglia e – per il secondo anno –  aderisce – alle “Giornate Europee del Patrimonio” (GEP), manifestazione promossa nel 1991 dal Consiglio d’Europa della Commissione Europea – per il tramite del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – con l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee.

Per l’edizione #GEP2017, il Consiglio d’Europa ha stabilito il tema “Cultura e Natura”, al fine di approfondire in modo critico il rapporto tra l’uomo e la natura e l’interazione dell’uomo con l’ambiente che lo circonda, in un ampio arco cronologico che va dalla preistoria all’epoca contemporanea. L’azione umana che modifica, trasforma, “addomestica” e talvolta distrugge la natura – così come rappresentata nelle diverse produzioni artistiche o nella cultura materiale – sarà il punto di partenza di una riflessione più ampia sull’evoluzione di questo imprescindibile e complesso binomio.

Per questo il 23 e il 24 Settembre 2017, il “Museo del Territorio” (ubicato presso l’Abbazia di S. Nicola di Macugno) effettuerà un’apertura straordinaria: Sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00, e Domenica dalle 9.00 alle 12.00.

In concomitanza con le “Giornate Europee del Patrimonio”, l’Ecomuseo di Neviano – associazione che gestisce il “Museo del Territorio” – organizza, inoltre, per Domenica 24 Settembre 2017 la decima edizione della “Giornata del Paesaggio”, un evento volto a promuovere una percezione condivisa del patrimonio culturale locale.

La “Giornata del Paesaggio” è un’occasione per conoscere, unire e rendere più efficaci le azioni svolte dagli Ecomusei e da tutte le organizzazioni che svolgono – a livello italiano ed europeo – azioni di cittadinanza attiva in sintonia con la Convenzione Europea del Paesaggio (CEP).

L’iniziativa è promossa da “Mondi Locali”, una comunità di pratica nata nel 2004 che oggi riunisce molti Ecomusei italiani.

Il programma della giornata prevede, quest’anno, una passeggiata pomeridiana alla scoperta delle costruzioni rurali e signorili di fine ‘800, lungo la “via dell’acqua”.

Il ritrovo è previsto per le ore 15.00 circa nei pressi del Cimitero Comunale. Poi si camminerà lungo un itinerario che raggiungerà la zona del Canale della Ruga, “Lu Mea”, per concludersi presso “Villa Romina” (in località Congedo).

Lungo il percorso, gli esperti dell’Ecomuseo che accompagneranno i partecipanti, li guideranno nel riconoscimento delle piante assieme alla descrizione delle tipologie costruttive dei pozzi, costruiti ed utilizzati in passato per l’approvvigionamento idrico della popolazione.

Giunti a destinazione – dopo aver illustrato le caratteristiche del villino di fine ‘800 – sarà possibile degustare i prodotti tipici del luogo, accompagnati da un bicchiere di vino. È previsto anche un intrattenimento musicale.

Per il rientro dei partecipanti appiedati, all’occorrenza il Comune di Neviano garantirà  un servizio di bus navetta, a partire dalle ore 18.00

In caso di pioggia l’evento sarà rinviato a data da destinarsi.

> Visita la sezione dedicata all’iniziativa di Neviano (Le) alle Giornate europee del Patrimonio 2017 sul sito del MiBACT

#culturaèpartecipazione #culturaenatura #GEP2016

L’escursione sul litorale est di Campomarino di Maruggio (Ta), su “quiSalento”

Da una parte il mare, dall’altra le dune con tutto il loro tesoro di vegetazione. Si cammina alla scoperta del litorale est di Campomarino di Maruggio, giovedì 17 dalle 17, nell’escursione organizzata dall’associazione Play your Place in collaborazione con Terra nostra.
Si parte da Torre de’ Molini, sul piazzale Italia per raggiungere a piedi la zona Mirante dove si ergono le dune meglio conservate e ricche di biodiversità, per conoscere gli aspetti geologici, geomorfologici e botanici del paesaggio costiero, imparando a riconoscere e usare le piante autoctone come euforbia e silene delle spiagge, finocchi e gigli marini, ginepri e lentisco.
Alla fine del percorso, degustazioni di vini e prodotti da forno, durante lo spettacolo del tramonto.
È previsto un contributo volontario di partecipazione.
Info: 349/1971486

Articolo pubblicato su: “quiSalento”, 15-31 Agosto 2017