febbraio 2014

You are currently browsing the monthly archive for febbraio 2014.

Pubblicato sul BURP n. 24 del 20/02/2014 con scadenza il 21/03/2014 il “Bando per iniziative di promozione all’utilizzo della bicicletta nell’ambito del Programma per l’educazione ai corretti stili di vita” nell’ambito del programma interassessorile di Educazione ai corretti stili di vita denominato SBAM! promosso dall’Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità.

La Regione Puglia è attiva nella realizzazione del Programma e lancia SBAM!

Il Programma regionale che coinvolge l’Assessorato allo Sport, alle Politiche della Salute, al Diritto allo Studio, alle Risorse Agroalimentari, alle Infrastrutture e Mobilità, partirà nella primavera 2014 ed intende perseguire gli obiettivi generali di promozione di un corretto stile di vita che coniughi pratiche alimentari corrette alla promozione degli spostamenti casa – scuola a piedi o in bici, quale forma quotidiana di buon esercizio fisico.

Con SBAM! l’Assessorato alla Mobilità, in particolare, valorizza e incentiva l’utilizzo della bicicletta organizzando delle giornate di promozione al suo uso nelle scuole e nelle classi coinvolte nel programma come da elenco allegato.

Possono partecipare al bando imprese, associazioni ed enti no-profit pugliesi, con esperienza nel settore della mobilità sostenibile e della mobilità ciclistica. La associazione/impresa/ente no profit proponente dovrà coinvolgere, per la realizzazione del progetto, una rete provinciale di soggetti partners composta da almeno 1 associazione/impresa/ente no profit con sede in provincia diversa da quella del soggetto capofila.

Il vincitore beneficerà del contributo complessivo di 50.000,00 euro. A pena di esclusione, le proposte dovranno essere inviate a mezzo raccomandata entro il 21/03/2014 al seguente indirizzo: “Regione Puglia – Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità – Ufficio Reti per la Mobilità sostenibile” – Via Gentile, 52 – 70126 – Bari”. Per le domande inviate a mezzo raccomandata fa fede la data del timbro dell’ufficio postale accettante.

> Fonte: Mobilità – Regione Puglia

L’Assessorato alla Mobilità della Regione Puglia – Ufficio Reti per la mobilità sostenibile – nell’ambito di Crea-Attiva-mente il programma per la mobilità sostenibile della Regione Puglia, ha sviluppato Bike friendly, un marchio regionale che andrà a distinguere tutte le imprese che offrono servizi ai cicloturisti e/o predispongono iniziative per promuovere gli spostamenti in bicicletta.

Con la pubblicazione di questo bando si avvia una prima fase dell’iniziativa che interessa in modo specifico le strutture che operano nel settore della ricettività. A breve saranno attivati un sito ed un’applicazione dedicati a Bike friendly necessari, da un lato ad indicare i servizi offerti ai ciclisti dalle strutture ricettive (attraverso una mappatura delle strutture Bike Friendly), dall’altro a valorizzare il lavoro che costantemente le associazioni svolgono nei territori di appartenenza anche per lo sviluppo del cicloturismo.

Possono partecipare al presente bando le micro, piccole e medie imprese attive nel territorio della Regione Puglia alla data del presente bando, che svolgano la loro attività nei settori di cui alle sotto elencate sezioni, definite sulla base della classificazione delle attività economiche ATECO 2007:
- 55.10.00 – Alberghi e strutture simili;
- 55.20.20 – Ostelli della gioventù;
- 55.20.51 – Affittacamere per brevi soggiorni, Bed and Breakfast, ecc.;
- 55.20.52 – Attività di alloggio camere nelle aziende agricole;
- 55.30.00 – Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte;
e che rispettino le seguenti condizioni:
- siano regolarmente costituite;
- siano iscritte al registro delle imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura;
- presentino le necessarie caratteristiche di indipendenza secondo le disposizioni dell’art. 3 del D.M. 18/04/2005 (un’impresa può essere definita PMI solo se considerata indipendente vale a dire non direttamente o indirettamente controllata almeno per il 25% da un’altra impresa che non abbia le caratteristiche di PMI. Il Ministero delle Attività Produttive ha recepito la disciplina comunitaria dei criteri di individuazione delle piccole e medie imprese con decreto del 18 aprile 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 238 del 12/10/2005);
- siano nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo sottoposte a concordato preventivo, fallimento, amministrazione controllata, scioglimento o liquidazione, o non aventi in atto procedimenti o provvedimenti per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui alla legge 19/03/1990, n. 55 e successive modificazioni ed integrazioni sia per l’impresa che per gli Amministratori. Ciascun soggetto proponente che intende partecipare al presente bando deve compilare il format di presentazione della proposta progettuale. Il plico, contenente la proposta, dovrà riportare, sull’involucro esterno, la dicitura “Bando BIKE FRIENDLY per le strutture ricettive”

A pena di esclusione, le proposte dovranno pervenire a mezzo raccomandata entro trenta giorni dal giorno dopo la data di pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia al seguente indirizzo: “Regione Puglia – Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità – Ufficio Reti per la Mobilità sostenibile” – Via Gentile, 52 – 70126 – Bari”. Farà fede la data del timbro dell’ufficio postale accettante.

Leggi e scarica il Bando Bike Friendly

Autore articolo: Marilisa Romagno

NIDI è il Fondo creato dalla Regione Puglia a favore delle Nuove Iniziative d’Impresa. Attraverso NIDI la Regione sostiene le microimprese di nuova costituzione con un contributo a fondo perduto e un prestito rimborsabile.

L’obiettivo di Nidi è quello di agevolare l’autoimpiego di persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro. L’iniziativa viene attuata da Puglia Sviluppo S.p.A. – società interamente partecipata dalla Regione Puglia.

Il Fondo è gestito dalla Regione Puglia con il sostegno dell’Unione Europea attraverso il Programma Operativo FESR 2007 – 2013.

A CHI SI RIVOLGE

Può richiedere l’agevolazione chiunque voglia avviare una nuova impresa. In caso di impresa già costituita, è possibile presentare domanda solo se la costituzione è avvenuta da meno di 6 mesi e non si è emesso la prima fattura e non si è percepito corrispettivi. L’impresa dovrà essere partecipata per almeno la metà, sia del capitale sia del numero di soci, da soggetti appartenenti ad almeno una delle seguenti categorie:

  • giovani con età tra 18 anni e 35 anni;
  • donne di età superiore a 18 anni;
  • disoccupati che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi;
  • persone in procinto di perdere un posto di lavoro
  • lavoratori precari con partita IVA (meno di 30.000 € di fatturato e massimo 2 committenti)

Anche se rientrano nelle precedenti categorie, non sono considerati in possesso dei requisiti:

  • i pensionati;
  • i dipendenti con contratto a tempo indeterminato
  • gli amministratori d’imprese, anche se inattive, e i titolari di partita IVA.

L’impresa ancora da costituire deve avere meno di 10 dipendenti.

Sono ammesse a NIDI le sole imprese corrispondenti alle forme giuridiche:

ditta individuale, società cooperativa con meno di 10 soci, società in nome collettivo, società in accomandita semplice, associazione tra professionisti, società a responsabilità limitata.

COME FUNZIONA

Le forme di agevolazione previste da NIDI sono diverse e misurate all’investimento previsto:

Se si prevede di avviare l’impresa con investimenti fino a € 50.000 l’agevolazione è pari al 100%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

Se si prevede un investimento compreso tra € 50.000 ed € 100.000 l’agevolazione è pari all’90%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

Per investimenti compresi tra € 100.000 ed € 150.000 l’agevolazione è pari all’80%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

È inoltre previsto un contributo sulle spese di gestione dei primi sei mesi pari ad € 5.000.

Il prestito rimborsabile è erogato nella forma di finanziamento della durata di 60 mesi, con tasso fisso, pari al tasso di riferimento UE (al 01/01/2014 il mutuo sarebbe concesso al tasso dello 0,53%).

Non sono richieste garanzie fatta eccezione per le società cooperative a responsabilità limitata, per le società a responsabilità limitata e per le associazioni professionali per le quali è richiesta una fideiussione personale agli amministratori.

> Leggi la notizia su “Sistema Puglia”

> Visita il sito dedicato a “NIDI – Nuove Iniziative d’Impresa”

Il primo weekend di primavera del 2014, a Castelfranco di Sotto (Pisa) arrivaPop_Up e le saracinesche del centro storico si alzano per dare ospitalità ad attività e iniziative proposte dai cittadini.

Come tutte le belle idee è molto semplice: Comune e privati mettono a disposizione degli spazi inutilizzati, da riempire con idee e progetti; chiunque rispondendo a un bando – una call for ideas – può proporre un’attività. Sono ammesse sia quelle di tipo commerciale che senza fini di lucro, come ad esempio negozi temporanei, laboratori, installazioni, degustazioni, attività culturali, artistiche, artigianali.

Tutti possono partecipare al bando per l’assegnazione temporanea e gratuita dei locali: singoli, gruppi, associazioni, imprese, artigiani, imprenditori e artisti da qualsiasi parte d’Italia e del mondo. È sufficiente avere una buona idea che “apra la città” e “si apra alla città”.

I tre giorni saranno animati in modo informale, aperto e coinvolgente da attività e iniziative culturali collaterali: incontri di discussione, ascolto e confronto; mostre d’arte; giochi; cene di fundraising partecipativo con giovani artisti; spettacoli e tanto altro.

Pop_Up è un format ideato dalla cooperativa Sociolab in collaborazione con l’associazione YAB (Young Artists Bay). Il progetto è finanziato dal Comune insieme a dei piccoli sponsor locali. Sociolab e YAB di fatto co-sponsorizzano il progetto offrendo parte del proprio lavoro. Inoltre il Comune fornisce gli allacci elettrici provvisori, mette a disposizione degli operai per risistemare e imbiancare i locali e riduce del 50% l’IMU ai proprietari (che li concedono in comodato d’uso gratuito al Comune per poco più di un mese).

Ma Pop_Up non è solo un evento di tre giorni, bensì un percorso collettivo e dal basso che, partendo dalla riapertura e dal riutilizzo temporanei degli spazi dismessi e abbandonati (locali privati o aree pubbliche), punta a incoraggiare una innovativa gestione pubblico-sociale degli spazi della città, attivando e riattivando reti locali, energie e progettualità.

A Castelfranco – comune toscano di 13mila abitanti, con un bel centro storico con molti (troppi) locali commerciali vuoti e chiusi – il format ha trovato casa per una prima sperimentazione. L’appuntamento è da venerdì 21 a domenica 23 marzo 2014: partecipate, se avete una buona idea da proporre… e cominciate a pensare a un Pop_Up nella vostra città!

> Visita il sito dell’iniziativa “POP UP – Apriamo la città”

Sherazade è un’applicazione gratuita, scaricabile dal nostro sito e dagli store (iTunes e Google Play) per tutti i dispositivi mobili, che cambia il modo di viaggiare in Salento.

Un cantastorie digitale, che permette al viaggiatore di ascoltare sul proprio smartphone voci e racconti che parlano del luogo in cui si trova. Sherazade fa sapere incantando.

Restituisce il senso dei luoghi attraverso l’esperienza viva della narrazione. È una mappa narrativa: di tappa in tappa, si attraversano storie d’amore e di lotta, racconti di lavoro e vita quotidiana, aneddoti curiosi e antiche leggende.

Raccontami, Sherazade from Sherazade on Vimeo.

COME FUNZIONA

> Scarica l’app

Sherazade è un app mobile e tablet, gratuita per tutti gli utenti. Il viaggiatore salentino potrà decidere di scaricarla dallo store di iTunes o da Google Play, oppure installarla direttamente da questo sito, seguendo le istruzioni. A brevissimo sarà disponibile: manca poco!

> Prima la mappa, poi le cuffie

L’applicazione segnala al viaggiatore la sua posizione sulla mappa e gli suggerisce di ascoltare i racconti ambientati nel posto in cui si trova o a cui si sta avvicinando.

Sherazade fa fare incontri eccezionali: il turista che ha raggiunto un certo luogo ascolta le storie direttamente dalla voce dei personaggi, reali o immaginari, che lì hanno vissuto: contadini e nobili signori, monaci e guerrieri, sirene, e tarantate, ecc.

Al viaggiatore basta mettere le cuffie sulle orecchie, premere play e lasciare che Sherazade cominci a raccontare, mentre lui si guarda intorno, con uno sguardo nuovo.Durante l’ascolto, il viaggiatore potrà seguire il testo sul proprio smartphone, oppure lasciarsi trasportare dal suono della voce e della musica.

Se è un utente straniero, potrà aiutarsi scorrendo la traduzione in inglese.

 > Fai la prova subito

Fai un prova subito, e ascolta il racconto della Sentinella otrantina sul Bastione dei Pelasgi.

COSA FA

Sherazade è un modo innovativo di valorizzare il territorio, pensato per superare i limiti del turismo stagionale e rispondere a bisogni turistici e culturali.

 A CHI

Sherazade è molto più di un’applicazione.

È un ecosistema di contenuti digitali e servizi dedicati al Salento, e pensati per gli enti pubblici, che gestiscono beni di interesse turistico e per le imprese che con la loro attività artigianale, enogastronomica, ricettiva, fanno cultura.

Insieme a ciò, Sherazade vuole creare una comunità di persone e utenti appassionati, offrire alle aziende visibilità garantendo loro la presenza sui social network, sul sito web e sugli smartphone di tutti i viaggiatori che scaricheranno l’app.

> Visita il sito Sherazade – Storymaker for travelling