“Pedibus – A scuola un passo dopo l’altro”. L’articolo di School News di Galatone (Le)

Scarica l’articolo “Progetto Pedibus. A scuola un passo dopo l’altro”, pubblicato sul Giornalino Scolastico a cura degli alunni della Scuola Primaria 2° Circolo di Galatone (Le). Numero unico anno scolastico 2011 2012

Leggi l’articolo “Al via i pedibus nelle scuole primarie di Sava (Ta) e Galatone (Le), a cura di “Play your Place” di Maruggio”

Grande successo per la seconda edizione de “Lu Pizzulu”

La seconda edizione (in realtà la quarta, anche se le prime in tono minore e in forma più spontanea) della manifestazione Lu Pizzulu ha richiamato un flusso di gente inaspettato.

Tanti genitori e soprattutto tanti bambini, rimasti incantati dal siparietto e dallo spettacolo dei burattini.

Una manifestazione inedita nel panorama maruggese, quella che si è tenuta sabato 11 agosto presso Vico Cadorna-angolo via Maggiore Galliano, organizzata dalComitato omonimo insieme alla PRO LOCO di Maruggio e all’associazione Play Your Place.

La serata è stata allietata dal duo di fisarmoniche Simone Attanasio & Simone Lamusta e soprattutto dal suggestivo spettacolo de “La piccola compagnia dei burattini”, i giochi di strada (lu currulu campanoneli pitruddi, i tappi e le biglie). Non son mancati, infine, piccoli assaggi di prodotti da forno e vino nostrano, il tutto  trascorso in allegria e spensieratezza. Il tutto gratuitamente.

Si è trattato, quindi, di una manifestazione “spontanea” totalmente autofinanziata dal comitato promotore e non patrocinata dall’amministrazione comunale che probabilmente non l’ha ritenuta all’altezza di inserirla all’interno del programma estivo.

Ora la manifestazione ha anche una sua pagina facebook, ricca di documentazione fotografica e notizie (https://www.facebook.com/LuPIZZULU).

“Nuovo Marubbiando”, Agosto 2012

Domenica 23 Settembre 2012: “Giornata del Paesaggio” a Neviano (Le)

Si svolgerà Domenica 23 Settembre 2012 la “Giornata del Paesaggio” a cura dell’Associazione Ecomuseo del Paesaggio delle Serre di Neviano (Le), in collaborazione con il Comune di Neviano e LA.AR.PA. Laboratorio di Architettura del Paesaggio di Lecce.

Programma:

8,30 – raduno presso lo spazio antistante il recinto delle “Ceramiche Greco”, al Km 0,10 della Prov.le Neviano Sannicola (subito dopo il passaggio a livello)

09,00 – partenza passeggiata

09,15 – prima sosta (musiche e recitazione di poesie)

09,45 – seconda sosta (ipotesi sul toponimo campi latini)

10,00 – arrivo alle cave con ampia sosta nella zona ( canti popolari, poesie e piccolo rinfresco prima del rientro)

11,30 – passeggiata di rientro

12,00 – ritorno al punto di raduno

Per l’occasione è stato indetto il Concorso Fotografico sul tema “ Le tajate dei Campi Latini” (zona di estrazione dei tufi nei pressi di Neviano), il cui regolamento può essere visionato e scaricabile sul sito del Comune di Neviano.

I Templari nel Salento

Alcuni anni dopo la fondazione – non si conosce con precisione quando – l’Ordine dei Cavalieri del Tempio era presente in Europa in diverse regioni tra cui la Penisola italiana. I Cavalieri Templari erano presenti in Italia sia nelle regioni settentrionali (la via Francigena ne è un esempio), sia nelle regioni meridionali e, tra queste, la Puglia ha senza dubbio avuto un ruolo preminente dovuto alla posizione strategica della nostra regione come crocevia tra Occidente ed Oriente. Le motivazioni principali della forte presenza dei Templari in Italia sono principalmente dovute alla viabilità terrestre e alla possibilità di adoperare i porti, in modo particolare quelli della costa adriatica pugliese (Manfredonia, Barletta, Trani, Molfetta, Bari, Brindisi), per l’imbarco ed il successivo rientro dei pellegrini e dei Crociati verso la Terrasanta, nonché per la spedizione di vettovagliamento e derrate alimentari alle guarnigioni templari in Outremer.

Si hanno notizie della presenza templare in Terra d’Otranto fin dalla seconda metà del XII secolo. La funzione principale delle fondazioni templari salentine era quella di gestire la produzione agricola destinata al sostentamento delle piazze forti in Terra Santa mediante rifornimenti di generi alimentari, assicurando, nel contempo, le risorse finanziarie per il sostentamento e la sopravvivenza delle comunità templari pugliesi.

[…]

MARUGGIO

In un documento dei registri della Cancelleria Angioina datato 9 ottobre 1320 viene riportato che il casale di Maruggio è stato di proprietà dei Cavalieri Templari. Questo documento rappresenta l’unica fonte certa relativa alla presenza di un insediamento templare in questa zona. In un altro documento, sempre della Cancelleria Angioina, viene genericamente riportato che nel feudo di Maruggio si trovava una commenda gerosolimitana. Alcuni storici pensano che in questa zona i Templari svolsero dei lavori di bonifica e di prosciugamento dei terreni paludosi, nonché l’estrazione del sale dalle acque degli stagni costieri.

Anche a Maruggio, con l’avvio delle inquisizioni nel marzo del 1308, i Templari vennero arrestati e i loro beni furono assegnati ai Giovanniti. In merito all’ubicazione dell’insediamento si ipotizza che questo fosse ubicato presso la cappella del cimitero detta “Madonna del Verde”. Anticamente questa chiesa era intitolata a Santa Maria del Tempio, come si evince da una lapide del 1585 – quando la chiesa venne ricostruita – che testualmente riporta: “Templum Domini Marie Virgini dicatum vetustate collapsum”ove l’espressione Templum Domini di solito era un riferimento ai Cavalieri Templari.

A cura di: fr.Massimo Alligri – Referendario della Commenda S.Giovanni Battista – Terra del Salento

Articolo pubblicato su: “Gran Commenda dei Cavalieri del Tempio San Giovanni Battista – Terra del Salento”