Una nuova area di sosta per cicloturisti a cura del SAC “Salento di Mare e di Pietre”: Domenica 7 Febbraio a Neviano (Le) ci sarà l’inaugurazione

Nell’ambito delle azioni di valorizzazione della mobilità lenta programmate dal SAC – Sistema Ambientale e Culturale “Salento di Mare e di Pietre”, l’Associazione “Ecomuseo del Paesaggio delle Serre Salentine” ha scelto di allestire una piccola area di sosta destinata all’accoglienza dei cicloturisti proprio a metà della pista ciclabile che congiunge il centro urbano di Neviano (Le) con l’Abbazia di S. Nicola di Macugno presso cui è ubicato il “Museo del Territorio”, bene attrattore del SAC.

Domenica 7 Febbraio 2016 alle ore 15.30 si svolgerà l’inaugurazione.

Si può raggiungere l’area utilizzando direttamente la pista ciclabile che parte dall’Area Mercatale, dirigendosi verso la zona “Spileo”. Oppure si può percorrere la Strada Provinciale n. 42 “Neviano-Collepasso” e seguire la segnaletica posizionata per l’occasione.

L’Ecomuseo di Neviano organizza puntualmente giornate di sensibilizzazione aperte a tutti (bambini, scolaresche, famiglie, residenti e associazioni) finalizzate alla scoperta del paesaggio e per la promozione della mobilità lenta (“Giornata Nazionale del Paesaggio”, “Paesaggiando in bici”, escursioni botaniche guidate, “Good Bike Neviano! In bici alla scoperta dell’Ecomuseo”, bike-sharing comunitario, ecc.). Per tutte queste iniziative, l’Associazione si serve diffusamente della pista ciclabile.

La pista ciclabile esistente rappresenta, infatti, l’itinerario preferito da coloro che scelgono di raggiungere l’Abbazia di Macugno e il suo Museo, abbandonando l’automobile e percorrendo a piedi o in bicicletta l’intera distanza.

Su un appezzamento di terreno donato da un privato nevianese al Comune di Neviano, infatti, l’Ecomuseo ha inteso offrire ai numerosi fruitori del tratto ciclabile la possibilità di sostare sotto l’ombra di ulivi secolari. In questo punto, infatti, la sosta diventa l’occasione per ammirare il paesaggio circostante, immersi nella vegetazione spontanea e gli arbusti della macchia mediterranea tipica delle Serre Salentine.

Il progetto dell’Ecomuseo ha visto il coinvolgimento dei soci dell’Associazione nelle vari fasi di progettazione e costruzione degli arredi, interagendo con gli artigiani presenti sul territorio. Insieme si sono concordate le forme, il numero degli oggetti, i materiali e le finiture degli arredi, e congiuntamente si è operato per la realizzazione degli stessi, sia presso la bottega che sul sito.

Recentemente, la stessa pista ciclabile è stata dotata di una nuova staccionata, a cura del GAL “Serre Salentine”.

L’opportunità di potenziare questo tratto ciclabile rappresenta l’occasione per innescare nuovi rapporti tra il paese e la zona rurale, mettendo direttamente in comunicazione l’abitato con un sito – il “Museo del Territorio” – che sta accrescendo esponenzialmente il suo appeal.

Articolo letto in totale 188 volte, di cui 1 visite odierne.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright 2009-2012 PlayourPlace.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *