“Attendendo l’Ecomuseo” del SAC “L’Appia dei Messapi: dalle Murge al Salento”. On-line il sito degli itinerari alla scoperta dell’Alto Salento

L’aggregazione di comuni SAC “L’Appia dei Messapi: dalle Murge al Salento” ha recentemente messo on-line il sito “Itinerari. Alla scoperta dell’Alto Salento”.

I SAC (Sistemi Ambientali Culturali) sono aggregazioni pensate dalla Regione Puglia per far confluire in una proposta unitaria tutte le potenzialità di specifiche aree del territorio, per meglio offrire al turista percorsi e strumenti.

In una sezione del portale si possono scoprire gli itinerari sul territorio suddivisi in tre tipologie: Storico-Culturale, Religioso e per Masserie.
Il visitatore potrà scegliere tra tre itinerari per categoria, anche combinabili tra loro, che si snodano tra tutti i Comuni dell’aggregazione territoriale SAC: Villa Castelli, Francavilla Fontana, Oria, Latiano, Mesagne, Torre Santa Susanna, San Pancrazio Salentino, San Donaci e San Pietro Vernotico.

“Attendendo l’Ecomuseo” è una sezione del sito attraverso la quale gli abitanti dell’aggregazione possono interagire e contribuire alla narrazione del territorio.

Lontano dalle logiche del museo tradizionale, ancorato alle collezioni, agli immobili e al pubblico, l’ecomuseo, o museo diffuso, è per definizione “un’istituzione culturale che assicura in forma permanente, su un determinato territorio e con la partecipazione della popolazione, le funzioni di ricerca, conservazione e valorizzazione di un insieme di beni naturali e culturali, rappresentativi di un ambiente e dei modi di vita che lì si sono succeduti” (Carta degli Ecomusei).

Fondato su tre pilastri, il territorio, il patrimonio e la comunità, l’ecomuseo stimola la partecipazione attiva della popolazione alla valorizzazione e alla tutela del patrimonio locale e spinge gli operatori turistici, i produttori agricoli e gli artigiani a fare sistema. Innovazione, tecnologia e tradizione si intersecano promuovendo lo sviluppo sostenibile e la partecipazione diffusa al governo dei territori.

Il patrimonio dell’ecomuseo dell’aggregazione di Comuni è ancora in costruzione, e richiede la partecipazione attiva della popolazione. Pertanto si è pensato che l’ecomuseo possa essere costituito dalle seguenti quattro tipologie di contenuti: foto, video, storie e racconti, tradizioni.

> Visita il sito “Itinerari. Alla scoperta dell’Alto Salento”

Articolo letto in totale 298 volte, di cui 1 visite odierne.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright 2009-2012 PlayourPlace.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *